Iscriviti

Pronto soccorso, modificati i codici: via ai colori per fare spazio ai numeri

Lo scopo di questo nuovo modello è quello di abbreviare l'attesa dei pazienti e diminuire gli errori medici per arginare ed evitare episodi di malasanità.

Salute
Pubblicato il 6 giugno 2018, alle ore 00:22

Mi piace
4
0
Pronto soccorso, modificati i codici: via ai colori per fare spazio ai numeri

Da Gennaio 2019 si potrà dire addio ai codici bianco, verde, giallo e rosso. I pronto soccorso italiani sostituiranno i colori utilizzati per vagliare i pazienti con numeri: così è stato stabilito dalle recenti linee guida sancita dalla conferenza Stato-Regioni sul triage ospedaliero. La regione ad elaborare per prima il nuovo meccanismo sarà il Lazio.

I nuovi codici avranno una numerazione da 1 a 5, dove 1 rappresenta l’emergenza, 2 urgenza, 3 urgenza differibile, 4 urgenza minore e infine 5 non urgenza. I codici da 1 a 3 sono di media-alta intensità di cure, mentre 4-5 rappresentano una moderata-bassa intensità. I pazienti con emergenza dovranno essere soccorsi entro pochi secondi, quelli con urgenza entro 15 minuti, l’urgenza differibile entro 60 minuti. Infine l’urgenza minore e non urgenza dovranno essere visitati in un tempo non superiore a 240 minuti ( 4 ore).

Il triage, ovvero il nuovo protocollo ha come obiettivo la riduzione dei tempi di attesa dei pazienti, oltre al diminuire i possibili errori medici, per limitare i casa di malasanità.Tale riforma vuole risolvere uno dei problemi principali dei pronto soccorso italiani, ovvero il sovraffolamento e il conseguente ritardo nell’accesso alle cure, accompagnato da una permanenza nelle sale d’attese di ore.

Assunta De Luca, epidemiologa e componente del gruppo ministeriale sui codici ha dichiarato al Corriera della Sera: “Il sistema garantisce cure più adeguate nel tempo giusto. I pazienti con problemi minori vengono avviati verso percorsi alternativi, specialistici, come possono essere l’intervento di un oculista o un otorino, che risparmiano inutili attese”.

Il coordinatore del movimento cittadinanzattiva Tribunale del Malato, Tonino Aceti è positivo verso questo rinnovato del sistema ospedaliero, in qanto può offrire una fotografia più accurata dello stato del paziente. Ma, nello stesso tempo mette in guardia dalla tentazione di raccimolare ticket, riservato soltanto ai codici bianchi, che saranno trasferiti anchea ai codici 3 e 4.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Un nuovo sistema ospedaliero che dovrebbe offrire un accesso facile alle cure per i pazienti che si recano al pronto soccorso. Anche i codici a colori erano stati introdotti per evitare sovraffollamento e tempestività alle cure, ma purtroppo non ha avuto grande successo, quindi si spera che almeno questo nuovo sistema a numeri sia più efficace.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!