Iscriviti

Oggi è la Giornata Nazionale del Parkinson. L’obiettivo da 10 anni è sensibilizzare ed educare

Oggi è la Giornata Nazionale del Parkinson. L'obiettivo è da 10 anni sensibilizzare, fare conoscere e prevenire la patologia che ancora oggi, sebbene in crescita, è poco conoscita e spesso sottovalutata.

Salute
Pubblicato il 24 novembre 2018, alle ore 10:09

Mi piace
5
0
Oggi è la Giornata Nazionale del Parkinson. L’obiettivo da 10 anni è sensibilizzare ed educare

Sono in Italia le persone che soffrono di Parkinson sono 250mila. Questa è una patologia che causa gravi difficoltà e disabilità e che colpisce principalmente gli anziani, ma non solo. Come spiega il presidente dell’Accademia Limpe-Dismov, Pietro Cortelli, in occasione dei 10 anni della Giornata nazionale dedicata alla malattia di Parkinson, la diagnosi precoce è fondamentale. Per questo motivo, l’obiettivo di questa giornata è sensibilizzare, fare prevenzione e fare conoscere la patologia. Spesso, infatti, la patologia è sottovalutata. 

La giornata ha anche lo scopo di raccogliere fondi e prevede eventi culturali, mostre, concerti, spettacoli teatrali. Il programma completo e le location degli eventi sono disponibili sul sito ufficiale della giornata nazionale del Parkinson (www.giornataparkinson.it). Per il quarto anno consecutivo, inoltre, ad appoggiare la causa è il campione olimpico, Jury Chechi.

La mission della giornata

In occasione della Giornata nazionale dedicata alla malattia di Parkinson, la Fondazione Limpe per il Parkinson Onlus e l’Accademia Limpe-Dismov ha programmato diverse iniziative e appuntamenti. La giornata ha lo scopo di sensibilizzare ed educare la popolazione sulla patologia che è sempre più diffusa ma anche poco conosciuta.  

In attesa della convention “Parkinson, Corpo & Anima” che si terrà a Roma giorno 1 e 2 dicembre, l’obiettivo fondamentale è fare comprendere l’importanza del rapporto tra medici, pazienti e caregiver. In questa occasione, per la prima volta in Italia, si riuniranno tutti nello stesso posto medici, personale sanitario, assistenti e familiari che vivono la patologia per discutere ed affrontare i molteplici aspetti, non solo medici, ma anche sociali e relazionali, ad essa riferita.  

È lo stesso Cortelli a dichiarare che “portare la conoscenza della malattia al di fuori delle mura degli ospedali avvicinandosi a chi il Parkinson lo vive in prima persona, che siano pazienti o familiari, ha un ruolo strategico quanto quello della gestione clinica della malattia”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanna Barone

Giovanna Barone - Trovo sempre molto importanti le iniziative medico-sociali per fare prevenzione, sensibilizzare e fare conoscere i tantissimi aspetti di una patologia. Molto spesso, protetti nel nostro "micro-mondo" non ci rendiamo conto di quanto sapere può aiutarci anche a accettare, aiutare, integrare il prossimo. Oggi ne abbiamo estremamente bisogno, specialmente le nuove generazioni.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!