Iscriviti

Tubercolosi: Salvini contrastato da Cauda

Un post di Matteo Salvini ha spaventato mezza Italia: siamo a rischio tubercolosi. La causa? I migranti. Non la pensa così l'infettivologo Cauda: "I dati non vanno in questa direzione"

Politica
Pubblicato il 13 settembre 2018, alle ore 12:43

Mi piace
12
0
Tubercolosi: Salvini contrastato da Cauda

Immigrato malato e in fuga, forse inconsapevole della gravità della sua condizione. Quanti casi come questo? Purtroppo la tubercolosi è tornata a diffondersi” questo il post che Matteo Salvini, con la forza del ruolo di vicepresidente del Consiglio e ministro dell’interno, ha diffuso sul web dalla pagina di Facebook. A pagare il prezzo più alto sono gli italiani che devono far fronte a “costi sociali e sanitari di anni di DISASTRI e di invasione senza regole e senza controlli“.

Il post continua e con quel “dicevano che” Matteo Salvini, afferma che non è vero, non siamo stati cattivi, né allarmisti, né pericolosi: il rischio tubercolosi c’è. Salvini assicura anche di avercela messa tutta e continuerà a farlo per invertire la rotta di come stanno andando le cose.

Il caso di Sandrigo

Il post d’allarme di Matteo Salvini scaturisce da un fatto di cronaca accaduto a Sandrigo, in provincia di Vicenza. Uno dei migranti ospitati nell’ex struttura alberghiera Virginia se ne è andato volontariamente e di nascosto. Il migrante è malato di tubercolosi che come sappiamo è infettiva. Roberto Ciambetti, presidente del consiglio regionale del Veneto, è stato informato del fatto.

Parla l’infettivologo

Dalle parole del direttore di Malattie infettive del policlinico Gemelli di Roma, Roberto Cauda, il rischio di un aumento di casi di tubercolosi non è segnalato: “Non assistiamo in questo momento a un aumento dei casi, almeno in Italia, di tubercolosi. I dati non vanno in questa direzione“. Il ministro dell’interno è stato intervistato da ‘Radio Vaticana Italia‘.

Ci sono delle situazioni particolari, che portano “ad una recrudescenza della tubercolosi” e sono la povertà, il sovraffollamento, ha spiegato Cauda, ma ci tiene a sottolineare che la tubercolosi può manifestarsi anche dopo anni dal momento in cui una persona è stata infettata. La questione tubercolosi è un problema estremamente complesso da non attribuire ad un fattore unico.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Mi sorprende che un personaggio politico "spaventi" la gente per il caso di un fuggitivo. A mio avviso dovrebbe piuttosto impegnarsi a cercarlo, a curarlo, a rimetterlo in salute per il bene del migrante e di tutti. Amministrare la "cosa" pubblica non è solo il denaro dei "costi sociali e sanitari" fuoriusciti, ma è prima di tutto un servizio alla comunità.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!