Iscriviti

Sergio Mattarella: "Erasmus e Schengen irrinunciabili"

Sergio Mattarella: "I giovani si sentono europei e il poter viaggiare liberamente in Europa è per loro un dato irrinunciabile. Metterlo a rischio è poco responsabile"

Politica
Pubblicato il 5 luglio 2018, alle ore 09:52

Mi piace
9
0
Sergio Mattarella: "Erasmus e Schengen irrinunciabili"

L’incontro, a Tallin in Estonia, del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con la presidente della Repubblica di Estonia, Kersti Kaljulaid, è stata l’occasione per difendere il valore della libera circolazione in Europa, minacciata da alcuni all’interno della UE che vorrebbero chiudere le frontiere europee di Erasmus e di Schengen.

Il presidente Mattarella si è dichiarato favorevole all’Erasmus e alla libera circolazione garantita con il trattato di Schengen; durante l’incontro si sarebbe così espresso: “Vi sono molte cose che contrassegnano l’Unione europea ma, a mio avviso, ce ne sono due che ne esprimono appieno l’anima: Erasmus e Schengen. I giovani – ha poi osservato il presidente – si sentono europei e il poter viaggiare liberamente in Europa è per loro un dato irrinunciabile. Metterlo a rischio è poco responsabile“.

Secondo il Presidente Mattarella non è questo il momento di “parlare di chiusura dei confini, ora tutto dovrebbe portare a una sempre maggiore “razionalità nell’analizzare e di conseguenza governare il fenomeno migratorio, è da evitare“.

I dati dicono che nell’ultimo anno, dalla metà del 2017 alla metà del 2018, il flusso migratorio arrivato dal Mediterraneo è diminuito dell’85% così che anche la pressione ora è meno pregnante tanto da permettere a tutti i governi di affrontare il problema delle migrazioni con più razionalità e distacco, senza lasciarsi prendere dalla facile emotività.

Mattarella ha insistito sul fatto che “parlare di confini da chiudere” è poco razionale, risponde piuttosto all’emotività subita o indotta. Un governo responsabile guarda con attenzione, responsabilità e senso comune anche il fenomeno migratorio. E ha concluso la sua riflessione dicendo che questa è “una cosa possibile che abbiamo il dovere di fare“.

Lo spazio Schengen garantisce una zona di circolazione libera da controlli di frontiera per tutti i viaggiatori, salvo casi eccezionali. Questa possibilità insieme ai progetti di mobilità all’interno dell’Europa denominati Erasmus, ha permesso a molti giovani di sentirsi “cittadini europei“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Ogni segno d'apertura, secondo me, è un qualcosa che fa guardare avanti, al futuro e dona speranza, che libera la mente da scorie e condizionamenti. Se la paura chiude tutto, anche le finestre, la fiducia negli altri invece spalanca le porte. Mi pare di poter condividere il pensiero del presidente Mattarella.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!