Iscriviti

Movimento 5 Stelle: "Di Maio Premier o di nuovo al voto"

Il Movimento 5 Stelle chiude le porte ad un governo istituzionale o di stabilità. Se non sarà Luigi Di Maio il prossimo presidente del consiglio si ritorna alle urne.

Politica
Pubblicato il 14 marzo 2018, alle ore 10:04

Mi piace
6
0
Movimento 5 Stelle: "Di Maio Premier o di nuovo al voto"

Si è parlato molto in questi giorni di alleanze e governi di stabilità, ma quest’oggi il Movimento 5 Stelle tuona e ribadisce la propria posizione chiara e ferma. I vertici hanno definitivamente chiuso ad un governo istituzionale, dovrà essere Luigi Di Maio il prossimo presidente del consiglio, se così non fosse il ritorno alle urne è l’unica via percorribile per formare il nuovo governo. Inoltre, come ha ammesso lo stesso Di Maio nessun altro partito si è fatto avanti e l’appello dei pentastellati, “siamo aperti al dialogo”, non è stato accolto.

Di fronte alla stampa estera, Luigi Di Maio ha spiegato: “Io dico mettiamoci al lavoro sull’Italia. Qui non si parla di Pd, Lega o Forza Italia. Noi diciamo agli altri di venire avanti con proposte. Dire ‘metti un tuo uomo e togli un tuo uomo’ non sono dinamiche che ci appartengono”.

All’interno del Movimento ha preso forma l’idea di ritornare alle urne, visto come un vero e proprio ballattaggio con la Lega di Matteo Salvini. Analisi e sondaggi, infatti, danno il leader dei cinquestelle in netta crescita dopo le elezioni del 4 Marzo. La voglia di governare e non fermarsi sul traguardo spingerebbe Di Maio e il Movimento a seguire questa rotta.

Nessun cambio della legge elettorale, i grillini sarebbero disposti di ritornare al voto con l’attuale leggi e Di Maio spiega le ragioni di questa scelta: “Non possiamo perdere tempo e se ci sedessimo al tavolo con gli altri non ne usciremmo più”. Discorso che toppa con l’idea di lavorare con Salvini per la riscrittura del Rosatellum e valutare seriamente il Germanicum“Sarebbe impossibile, rischieremmo di logorarci. Noi invece siamo in crescita”.

Il capo dei grillini, infine, rassicura la cancelliera Angela Merkel e l’Europa“Le nostre misure economiche saranno sempre ispirate alla stabilità del paese e alla qualità della vita degli italiani. Non vogliamo trascinare l’economia dell’Italia nelle diatribe politiche. Credo che oggi il ministro Padoan sia molto irresponsabile a trascinare le questioni tra Italia e Bruxelles rispondendo ‘non so’ a proposito del futuro dell’Italia”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Ciro D'agostino

Ciro D'agostino - Le beghe post elettorali continuano e fino al 23 Marzo non cesseranno. Il timore è che si proseguirà in un testa a testa estenuante e nessuno sarà disposto a lasciare la propria posizione favorevole. Ed è proprio questo che traspare dalle parole di Luigi Di Maio. "Il Movimento ha vinto, ed io governo", in termini poco aulici è questo che dice il leader grillino. E a differenza di quanto si era detto nei giorni scorsi, di un possibile accordo Lega Movimento, sembra che le carte in tavola siano cambiate completamente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!