Iscriviti

Il piano degli scafisti per trasportare i migranti a Lampedusa aggirando Salvini

A Lampedusa sbarcano 184 migranti su sette barchini. I trafficanti di uomini adesso usano barche veloci e, per aggirare Salvini, sfruttano il nulla osta di Malta

Politica
Pubblicato il 15 settembre 2018, alle ore 07:54

Mi piace
3
0
Il piano degli scafisti per trasportare i migranti a Lampedusa aggirando Salvini

Quei 184 migranti stipati su sette barche veloci non dovevano arrivare in Italia, ma a Malta. Lo aveva detto Matteo Salvini, chiedendo al governo di La Valletta di farsi carico dei profughi che viaggiavano spediti dalla Libia e che si trovavano in acque maltesi. Invece La Valletta ha risposto picche e quei sette barchine hanno proseguito il viaggio verso Italia.

E’ un ritorno al passato, quando prima che subentravano l’operazione Mare Nostrum, l’operazione Sophia e le navi Ong, gli scafisti imbarcavano i profughi sui barconi e li accompagnavano quasi fino a Lampedusa. Ma ora che i porti italiani sono chiusi, le Ong sono sparite e le navi militari non pattugliano più le coste libiche, ecco il cambio di strategia.

Come avvengono i transiti

I migranti erano transitati per le acque maltesi, ma di mettere piede a La Valletta non ci pensavano nemmeno. Vogliono l’Italia. Più volte hanno rifiutato il soccorso maltese sperando di salire su qualche nave italiana. I loro gommoni, però, erano malandati, richiavano l’ennesimo naufragio, costringendo Malta a intervenire.

Le cose adesso sono cambiate. I migranti non viaggiano più su imbarcazioni pericolanti, ma su barche veloci come motoscafi. E’ la nuova “politica” decisa dagli scafisti per continuare a lucrare sulla pelle dei disperati, importandoli in Italia grazie al fatto che La Valletta non ritiene quelle imbarcazioni malandate e quindi può permettersi la licenza di non intervenire.

I migranti hanno così fatto rotta verso Lampedusa e lì sono scesi. Il Viminale fa sapere che “Malta per l’ennesima volta ha scaricato il problema sull’Italia e che il ministero dell’Interno sta lavorando a soluzioni innovative e efficaci per gestire questi arrivi”. Quale soluzione? Quelli di rispedire i profughi in Tunisia, Paese con cui l’Italia ha un accordo per i rimpatri.

Salvini, infatti e a Vienna, dove ha incontrato i suoi colleghi europei e, dopo il battibecco avuto con il lussemburghese Asserbon, proprio sulla questione migranti, ha fissato una riunione a Roma con il ministro tunisino per lavorare insieme a “soluzioni veloci efficaci e innovative per stroncare il traffico di esseri umani”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Non credo che Malta sia colpevole di questo nuovo modo di traghettare i migranti. Ogni nazione ha interesse a difendere i proprio confini. Tanto più che i profughi hanno fatto chiaramente capire di voler arrivare in Italia e non a La Valletta. Spetta quindi al governo italiano difendere le proprie frontiere, senza più incolpare nessuno perché questa Europa è restia a collaborare nella gestione dei flussi migratori. A questo punto l'Italia dovrebbe agire da sola senza tener più conto delle cancellerie europee.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!