Iscriviti

Di Maio sgrida Salvini difendendo i magistrati

Dopo le dure parole di Salvini rivolte ai magistrati che si stanno occupando del caso Diciotti, Di Maio rompe il silenzio e sceglie da che parte stare.

Politica
Pubblicato il 9 settembre 2018, alle ore 10:00

Mi piace
4
0
Di Maio sgrida Salvini difendendo i magistrati

In questi giorni Matteo Salvini non ha mai nascosto le sue opinioni riguardo l’indagine che lo vede protagonista della nave Diciotti, riservando di continuo parole molto forti e spesso senza rispetto a chi sta eseguendo queste indagini.

Se fino ad ora l’altra metà del governo ha preferito non commentare quanto stava accadendo, durante la notte il vice premier Luigi di Maio ha parlato facendo sapere la sua posizione a riguardo, sgridando così il collega.

Il monito di Di Maio

Molte sono le cose accadute durante la notte, un forte discorso del vice premier Matteo Salvini contro la magistratura che ha portato il secondo vice premier Di Maio a riprenderlo e a dire la sua, ecco quanto successo.

Salvini ha preso in mano il fascicolo della sua indagine della nave Diciotti, che la magistratura ha inviato al tribunale dei Ministri, e ha voluto leggerlo in diretta a quei cittatidini incuriositi da quanto accadrà. Il vice premier però, non si è fermato a questa lettura, ma ha voluto commentarla colorandola con commenti che in questi giorni sono diventati ormai di routine. Definisce i magistrati politicamente di parte, affermando di essere pronto a raggiungerli anche a piedi per spiegare nuovamente il motivo per cui si è rifiutato di far sbarcare la nave, e aggiungendo fermanente che se dovesse ricapitare una situazione simile, non cambierebbe la sua decisione. 

L’attacco che Matteo Salvini ha fatto ai magistrati durante la notte, non è stato gradito al suo collega Luigi Di Maio, che ha preso in mano la situazione con una diretta Facebook, spiegando la sua posizione e “bacchettando” Salvini.

Il vice premier del Movimento 5 Stelle racconta di aver chiamato il collega della Lega, e di avergli detto senza troppi giri di parole che i magistrati vanno difesi e non attaccati. Continua dicendo che la magistratura è la stessa che indaga su corrotti, che arresta mafiosi e che compie tutti quegli atti che rendono i cittadini e anche loro politici, fieri di questo Paese, ecco perchè un attacco nei loro confronti è fuori luogo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - In certe situazioni penso sia meglio lasciare le proprie opinioni da parte, in particolar modo, quando accadono cose che si commentano da sole. Probabilmente il parlarne troppo andrebbe solo a peggiorare la situazione dando così più importanza al fatto di quanta effettivamente meriti. Bisogna lasciare che i magistrati facciano il loro lavoro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!