Iscriviti

Angela Merkel: "Trattiamo l’Italia come la Polonia". Ma Berlino smentisce la frase

È giallo su una frase pronunciata dalla cancelliera tedesca e intercettata dal quotidiano "La Repubblica". Berlino, però, smorza i toni: "Mai intromessi nella politica italiana".

Politica
Pubblicato il 27 novembre 2018, alle ore 18:59

Mi piace
1
0
Angela Merkel: "Trattiamo l’Italia come la Polonia". Ma Berlino smentisce la frase

Federico Rampini, corrispondente da New York de La Repubblica, ha citato una frase della cancelliera tedesca Angela Merkel che, se fosse confermata, sarebbe una frase politicamente scorretta, per non dire grave:“Non possiamo accettare che l’Italia calpesti le regole comuni, dovremo trattarla come abbiamo fatto con la Polonia sullo stato di diritto”, avrebbe detto il premier teutonico.

Una dichiarazione simile, se fosse vera, equivarrebbe a una bomba a ciel sereno, sganciata sul nostro Paese, finito da tempo nel mirino di chi vorrebbe trasformarlo in una semplice colonia da conquistare e ghettizzare. Certo, la cancelliera, ufficialmente, non si è espressa sulla trattativa tra Italia e Europa sulla manovra economica di Roma, che tante preoccupazioni sta sollevando a Bruxelles.

Questo perché la Germania, almeno a parole e in linea di massima, non intende intromettersi nelle politiche delle nazioni appartenenti all’Unione Europea. Anche se, per quanto riguarda l’Italia, a parlare per conto della Germania, sono intervenuti banchieri tedeschi come Widmann, che ha sostenuto la necessità per l’Italia di cedere la sua sovranità all’Europa per ragioni di unità politica ed economica.

In ogni caso, il quotidiano Il Foglio ha chiesto a La Repubblica come mai una simile frase “non fosse sulle prime pagine di tutti i quotidiani nazionali e internazionali”. La risposta è stata laconica: quelle parole la cancelliera non le avrebbe mai pronunciate. Una conferma che è giunta sul suo profilo Twitter anche da Tonia Mastrobuoni, corrispondente de La Repubblica da Berlino.

Interpellato dal quotidiano di Giuliano Ferrara, anche il governo tedesco ha detto di non poter confermare che la Merkel abbia mai pronunciato la fatidica frase. Anche perché la linea diplomatica scelta da Berlino sarebbe quella di affidarsi alla Commissione Europea per dirimere eventuali contrasti tra i Paesi membri dell’UE. Nessuna interferenza da parte della Germania, quindi, sebbene quanto visto finora rasenti il contrario. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Riferendosi alla Polonia, la Merkel cita la vicenda penosa su presunti diritti che sarebbero stati violati, tre anni fa, dal governo polacco ai danni del proprio popolo. In realtà, la Merkel, in maniera implicita, fa riferimento a come la Germania trattò la Polonia nel lontano 1939: una nazione da sottomettere e schiavizzare, privandola, innanzitutto, della sua classe dirigente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!