Tennis, Boris Becker invoca l’immunità diplomatica contro la bancarotta (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 15 giugno 2018, alle ore 12:15

Tennis, Boris Becker invoca l’immunità diplomatica contro la bancarotta

L’ex numero uno del tennis mondiale Boris Becker ha rivendicato l’immunità diplomatica dalle procedure fallimentari citando il suo ruolo di addetto sportivo nella Repubblica Centrafricana.

Becker, che è stato tre volte campione di Wimbledon, è stato nominato nel ruolo ad aprile e gli avvocati per il cinquantenne tedesco hanno presentato una richiesta di immunità all’Alta Corte.

La sua posizione di addetto all’Unione europea per gli affari sportivi, culturali e umanitari è coperta dalla Convenzione di Vienna del 1961 sulle relazioni

Tennis, Boris Becker invoca l’immunità diplomatica contro la bancarotta

diplomatiche.

Ciò significa che Becker non può essere sottoposto a procedimenti giudiziari senza il consenso del Segretario degli Esteri Boris Johnson e del suo omologo a Bangui, hanno spiegato gli avvocati Sylvester Amiel Lewin e Horne.

Becker è stato dichiarato in fallimento nel giugno 2017 dal cancelliere Christine Derrett, che ha ricordato di averlo visto giocare al Centre Court.

La domanda di bancarotta è stata presentata da banchieri privati ​​Arbuthnot Latham & Co in relazione a un debito nei loro confronti da parte di Becker risalente al 2015.

Tennis, Boris Becker invoca l’immunità diplomatica contro la bancarotta

Becker ha dichiarato: “La decisione di avviare un procedimento di bancarotta nei miei confronti è stata ingiustificata e ingiusta.

Boris Becker rivendica l’immunità diplomatica.

L’ex superstar del tennis Boris Becker ha rivendicato il suo ruolo diplomatico per la Repubblica Centrafricana, che lo protegge da rivendicazioni legali in caso di fallimento.

Il tre volte vincitore di Wimbledon, che è stato dichiarato fallito nel 2017 per un debito dovuto a una banca britannica privata ha dichiarato all’Alta Corte del