Roberto Saviano, il delirio dopo la querela di Matteo Salvini. La replica: “Dietro l’angolo c’è la…” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 20 luglio 2018, alle ore 11:14

Roberto Saviano, il delirio dopo la querela di Matteo Salvini. La replica: “Dietro l’angolo c’è la…”

Salvini querela Saviano su carta intestata del Viminale. La replica: “Io non ho paura. Dietro l’angolo c’è la Russia di Putin”

Dopo settimane e settimane di insulti, Matteo Salvini ha deciso di querelare Roberto Saviano su carta intestata del Viminale essendo lui ministro degli interni. La decisione è stata presa sopratutto per l’espressione utilizzata definendolo “Ministro della malavita”, il leghista così ha querelato Saviano ma ecco che arriva la replica: “Il Ministro della Mala Vita si è deciso a querelarmi. Non ho avuto alcuna comunicazione

Roberto Saviano, il delirio dopo la querela di Matteo Salvini. La replica: “Dietro l’angolo c’è la…”

ufficiale, quindi non so ancora chi sia il magistrato incaricato delle indagini, ma posso assicurare che appena lo saprò chiederò di essere interrogato. Oggi non bisogna arretrare di un passo davanti a un potere che ha il terrore delle voci critiche, che ha il terrore dei testimoni oculari delle nefandezze che si consumano ogni giorno nel Mediterraneo e, in definitiva, ha il terrore di chi ogni giorno afferma con forza che incutere paura è l’arma nelle mani di chi vuole restringere le libertà personali.

Roberto Saviano, il delirio dopo la querela di Matteo Salvini. La replica: “Dietro l’angolo c’è la…”

Non l’ho mai fatto, ma vi chiedo di essere oggi con me in questa battaglia: dietro l’angolo c’è la Russia di Vladimir Putin, modello del ministro della Mala Vita che, come è noto, ha spesso portato alle estreme conseguenze il contrasto al dissenso.

Tocca agli uomini di buona volontà prendersi per mano e resistere all’avanzata dell’autoritarismo. Anche di quello che, per fare più paura, usa la carta intestata di un Ministero, impegnando l’intero Governo contro uno scrittore. E sono sicuro che in questo “governo del non cambiamento” nessuno