Ricercato dalla polizia, risponde su Facebook: “Calmi, finisco delle cose e arrivo”. Il post è virale (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 14 dicembre 2018, alle ore 11:15

Ricercato dalla polizia, risponde su Facebook: “Calmi, finisco delle cose e arrivo”. Il post è virale

Un uomo era ricercato dalla polizia, decide di rispondere su Facebook agli agenti: “Finisco delle cose e arrivo”.

Un uomo, ricercato dalla polizia, ha pensato di avvisare gli agenti attraverso un post su Facebook. È successo a Richland, la polizia americana è abituata ad utilizzare le locandine dei “ricercati” e questa abitudine ha permesso loro di mettersi in contatto con Anthony Akers sulla pagina ufficiale del dipartimento di polizia nella contea di Benton, a Washington.

Ricercato dalla polizia, risponde su Facebook: “Calmi, finisco delle cose e arrivo”. Il post è virale

“Calmi, sto arrivando”. Il post del ricercato è virale

Fin dai tempi del selvaggio West, la polizia americana ha sempre utilizzato quei classici post dei ricercati per avvisare i cittadini di un criminale che vogliono catturare. Oggi la polizia americana tende a pubblicare questi post anche sulle pagine Facebook dei dipartimenti di polizia locali. Alcune volte è capitato che gli stessi ricercati vadano a rispondere al post e una vicenda simile è successa qualche giorno fa a Richland, nella contea di Benton a Washington.

Ricercato dalla polizia, risponde su Facebook: “Calmi, finisco delle cose e arrivo”. Il post è virale

La polizia aveva emesso una richiesta per un pregiudicato Anthony Akers di 38 anni per “mancato rispetto di una sentenza” (Failure to Comply). La polizia aveva pubblicato una sua foto e nel post aveva scritto che se si disponeva di informazioni sulla persona ricercata si poteva chiamare il numero 509 628 0333. La cosa bizzarra è che il primo a rispondere è stato proprio il ricercato che ha scritto: “Calmi, sto arrivando“.