Parkinson, svolta storica in Italia: arriva la prima macchina in grado di curare i tremori (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 17 dicembre 2018, alle ore 12:01

Parkinson, svolta storica in Italia: arriva la prima macchina in grado di curare i tremori

È entrata in funzione la prima macchina in Italia in grado di curare i tremori del morbo di Parkinson

I medici dell’ospedale veneto hanno fatto sapere che basta una singola sessione per trattare i tremori del morbo di Parkinson, senza la necessità del ricovero.

È stata messa in funzione una rivoluzionaria macchina in grado di eliminare del tutto o in parte i tremori causati dal morbo di Parkinson. Il macchinario è costato quasi 8 milioni di Euro e non comporta alcun effetto collaterale ai pazienti.

Parkinson, svolta storica in Italia: arriva la prima macchina in grado di curare i tremori

Non solo riesce a trattare i tremori del morbo di Parkinson, la macchina combatte anche alcune forme di tumore e vari dolori neuropatici. È stata inaugurata presso l’ospedale Borgo Trento di Verona e si tratta della prima macchina del genere ad entrare in funzionamento in Italia, MrgFUS è l’acronimo di Magnetic Resonance Guided Focused Ultrasound (Trattamento con Ultrasuoni Focalizzati guidati dalla Risonanza Magnetica). Questa macchina possiede un tasso di efficacia dell’80% sui pazienti e consente una migliore guarigione rispetto al trattamento standard.

Parkinson, svolta storica in Italia: arriva la prima macchina in grado di curare i tremori

Lo sviluppo di questa nuova medotica applicata ai trattamenti delle patologie neurofunzionali, consente di risolvere in modo immediato e con estrema accuratezza sintomatologie talmente gravi da interferire con la vita normale. Pensiamo ad esempio al tremore causato dal Parkinson“, ha detto il dirigente dell’ospedale Francesco Cobello. I medici hanno spiegato che il macchinario non ha alcun invasività per i pazienti, non richiede alcun intervento chirurgico e anestesia. Non vengono utilizzate radiazioni ed il trattamento con la MrgFUS non provoca alcun dolore.