Offre lavoro per 1500 euro al mese ma i candidati rifiutano: “Meglio il reddito di cittadinanza” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 19 dicembre 2018, alle ore 17:06

Offre lavoro per 1500 euro al mese ma i candidati rifiutano: “Meglio il reddito di cittadinanza”

Un piccolo imprenditore milanese nel settore della moda, sostiene che nessuno vuole candidarsi per lavorare: “Preferiscono il reddito di cittadinanza”.

Un imprenditore milanese non è riuscito a trovare il candidato ideale pur offrendo una retribuzione mensile di 1500 euro al mese, affermando che la gente a questo punto preferisce percepire il reddito di cittadinanza.

Un piccolo imprenditore milanese attivo nel settore della moda ha fatto sapere che è alla ricerca di una persona per far crescere la sua azienda.

Offre lavoro per 1500 euro al mese ma i candidati rifiutano: “Meglio il reddito di cittadinanza”

Francesco Casile, proprietario della Casile&Casile Fashion Group, uno showroom a Milano che attualmente conta 7 dipendenti, ha proposto un’offerta di lavoro con una retribuzione di 1500 euro al mese, da 14 mensilità ed a tempo indeterminato, ma nonostante ciò, non è riuscito ancora a trovare una persona adatta a questo lavoro.

L’imprenditore milanese Francesco Casile è stato ospitato anche a Porta a Porta su Rai 1 ed a Stasera Italia su Rete 4, per lanciare la sua offerta di lavoro, ma nonostante ciò, non è riuscito a trovare il candidato ideale in grado di soddisfare le sue esigenze, anche a causa della poca volontà dei suoi candidati.

Offre lavoro per 1500 euro al mese ma i candidati rifiutano: “Meglio il reddito di cittadinanza”

Inoltre ha anche inviato una lettera al Corriere della Sera pubblicata nella rubrica “Lo dico al Corriere” di Aldo Cazzullo, in cui ribadiva la sua offerta lavorativa: “Offro 1500 euro netti al mese, l’orario lavorativo è dalle 9.30 alle 17 e il contratto è a tempo indeterminato“. Il ruolo da ricoprire sarebbe quello dell’addetto alle vendite in cui si richiede conoscenza del settore della moda e una minima conoscenza della lingua inglese.