Nadia Toffa sbotta e si difende dalle numerose critiche: “Ebeti, imparate a non giudicare e fatevi un giro negli ospedali” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 26 settembre 2018, alle ore 13:01

Nadia Toffa sbotta e si difende dalle numerose critiche: “Ebeti, imparate a non giudicare e fatevi un giro negli ospedali”

Nadia Toffa ha deciso di rispondere alle critiche e alle accuse fatte per le sue affermazioni forti sul cancro che hanno scatenato una pioggia di commenti. Le sue frasi pubblicate per l’uscita del libro in cui la Toffa racconta la sua battaglia contro il cancro hanno scatenato numerose polemiche: “Altro che dono, il cancro è un inferno“, le ha risposto un utente su Instagram ma Nadia Toffa, stanca delle numerose polemiche, qualche ora fa ha deciso di rispondere attraverso un lungo post sul suo profilo:

Nadia Toffa sbotta e si difende dalle numerose critiche: “Ebeti, imparate a non giudicare e fatevi un giro negli ospedali”

“Non ho mai sostenuto di essere fortunata ad avere il cancro. Sono pazza secondo voi?!”.

Tutto è partito da una frase che l’inviata e conduttrice de Le Iene ha scritto sui social: “Il cancro è un dono, tutti possono sconfiggerlo“, in molti si sono indignati di fronte a questa frase e l’hanno attaccata. Nadia Toffa ha risposto così: “Gli webeti proprio perché ebeti continuano a ridere della parola dono. Non ho mai sostenuto di essere fortunata ad avere il cancro. Sono pazza secondo voi? Probabilmente chi non capisce e ride per fortuna sua

Nadia Toffa sbotta e si difende dalle numerose critiche: “Ebeti, imparate a non giudicare e fatevi un giro negli ospedali”

non è mai entrato in un reparto di oncologia pediatrica. I Bambini lì sorridono e ridono non perché felici ne’ perché si sentono fortunati di avere il cancro ma perché hanno spirito di sopravvivenza e sanno che la vita continua nonostante la malattia e così i loro genitori che sono con loro a sostenerli ogni giorno cercando di portatgli allegria. Sono scemi? O si sono trovati in quella situazione e cercano di sopravvivere? Chiedetevelo davvero! Il cancro è un dono per loro? Avessero potuto scegliere cosa avrebbero deciso per i loro figli? Quel destino infame? Ne