Nadia Toffa: “Finalmente torno a Le Iene. Che gioia grande, tornerò con i miei capelli” (2 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 20 gennaio 2019, alle ore 14:41

Nadia Toffa: “Finalmente torno a Le Iene. Che gioia grande, tornerò con i miei capelli”

Da oggi domenica 20 gennaio sarà nuovamente alla conduzione del programma Le Iene in prima serata su Italia 1 insieme ai suoi colleghi Giulio Golia, Filippo Roma e Matteo Viviani. Tanti sono stati i commenti dei suoi fan che tra soddisfazione ed entusiasmo l’hanno incoraggiata: “Forza forza Nadia, siamo tutti con te!“, le ha scritto qualcuno. “Era ora leonessa!“, ha aggiunto un altro. E ancora: “Con o senza capelli se una persona con un anima nobile e un cuore grande e sempre sorridente e sempre bella e tu lo sei”.

Nadia Toffa: “Finalmente torno a Le Iene. Che gioia grande, tornerò con i miei capelli”

Grazie Nadia per la forza che dai alle persone malate e sfiduciate. Non vediamo l’ ora di vederti“. Nadia però continua ad essere travolta dalle polemiche dopo aver definito il cancro come un dono, ma ha sempre voluto spiegare meglio cosa intendesse con quella frase. Il 9 ottobre è uscito il suo libro “Fiorire d’inverno”, Nadia attraverso questo libro racconta la sua lotta contro il cancro e come, nonostante i momenti bui, sia riuscita a trasformare la sua tragica esperienza in un’occasione per migliorare se stessa. Durante un’intervista per il Corriere della Sera, ha dichiarato: “Quando con la determinazione ottieni sempre tutto, non sei preparata all’accettazione di un limite“.

Nadia Toffa: “Finalmente torno a Le Iene. Che gioia grande, tornerò con i miei capelli”

Quando scrivi un libro come il mio ci metti dentro tutta te stessa, parlandone è venuta fuori la mia natura più estroversa e ho deciso (inconsciamente, ma è un segnale) di far prevalere un messaggio positivo. Purtroppo non tutti hanno colto, e ci sta che la mia comunicazione non sia stata immediatamente comprensibile, che per me non è il cancro a essere un dono, ma è una sfiga che ho saputo trasformare in un dono, cioè la forza che ha saputo tirarmi fuori. Ho cercato di trasformare quest’accidente che ovviamente mai e poi mai avrei voluto, in un’opportunità per riuscire a conviverci”.