Manuel Bortuzzo, il papà: “Ha saputo della paralisi, non ha pianto. È stato forte come sempre” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 6 febbraio 2019, alle ore 18:21

Manuel Bortuzzo, il papà: “Ha saputo della paralisi, non ha pianto. È stato forte come sempre”

Manuel Bortuzzo, il nuotatore colpito nella sparatoria a Roma. Il padre Franco: “Gli ho detto della paralisi”.

Il papà di Manuel Bortuzzo ha riferito a suo figlio che forse non potrà più tornare a camminare: “Ha saputo della paralisi ma non ha pianto. Gli ho promesso che tornerà a vivere come una persona normale”.

Durante un’intervista al Corriere della Sera, Franco il papà di Manuel Bortuzzo, ha parlato del dramma che ha colpito suo figlio nella notte tra sabato e domenica alla periferia sud di Roma:

Manuel Bortuzzo, il papà: “Ha saputo della paralisi, non ha pianto. È stato forte come sempre”

“Gli ho detto della paralisi. Non ha pianto, è stato forte come sempre e gli ho promesso che tornerà a vivere come una persona normale”. 

Manuel è ancora ricoverato al San Camillo di Roma, stando a quanto ha riferito il padre, già dal suo letto aveva capito qualcosa: “Mi sento mancare la parte di sotto”, fino a quando il signor Franco gli ha detto della paralisi: “Abbiamo detto a Manuel della paralisi, è stato forte come sempre. Non ha pianto, noi non smettiamo mai di sperare e nemmeno lui. Lo porteremo in un centro specializzato e tornerà alla sua vita: ora sono felice che sia qui”.

Manuel Bortuzzo, il papà: “Ha saputo della paralisi, non ha pianto. È stato forte come sempre”

Chi l’ha visto: “Lo scooter dell’agguato dato alle fiamme”. Impronte sulla pistola. Il sicario ha sparato a volto scoperto, i due ricercati in fuga

Un inviato del noto programma di Rai 3 di Federica SciarelliChi l’ha visto?“, ha trovato lo scooter che sarebbe stato usato per l’agguato a Manuel. Dopo la fuga, pare che il motorino sia stato dato alle fiamme. Chi ha sparato, inoltre, non ha utilizzato i guanti e sono state rilevate alcune tracce e impronte sulla pistola. Ora gli inquirenti stanno cercando di identificare i responsabili.