La morte di Astori, lettera di un 12enne: «Di’ a tua figlia Vittoria che il papà era un grande» (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 6 marzo 2018, alle ore 11:49

La morte di Astori, lettera di un 12enne: «Di’ a tua figlia Vittoria che il papà era un grande»

Il capitano della Fiorentina, Davide Astori è stato trovato domenica 4 Marzo 2018 senza vita nella sua stanza di albergo, dove era in ritiro con gli altri compagni della sua squadra per la partita con l’Udinese. Astori aveva solo 31 anni e pare che sia morto nel sonno per un arresto cardiocircolatorio. Astori aveva una figlia di due anni, Vittoria ed una compagna Francesca Fioretti, ex partecipante del Grande Fratello. «La Fiorentina profondamente sconvolta, si trova costretta a comunicare che è scomparso il suo capitano Davide Astori, colto da malore» questo è stato il comunicato della società.

La morte di Astori, lettera di un 12enne: «Di’ a tua figlia Vittoria che il papà era un grande»

Oggi, ci sarà l’autopsia per omicidio colposo. Sotto casa di Francesca, è stata lasciata una lettera scritta da un 12enne tifoso.

Sul portone della compagna di Davide, Francesca, a due passi dalla Santa Trinità e da via Tornabuoni, al centro della Firenze antica, è stata lasciata una lettera attaccata con uno scotch che dice: «Per Francesca» si legge su un post-it verde acceso. È l’unico sprazzo di colore in un lunedì grigio.

Davanti alla casa dove Davide Astori abitava con la compagna, Francesca Fioretti, e Vittoria, la figlia di due anni, il silenzio è rotto solo dal ticchettio della pioggia:

La morte di Astori, lettera di un 12enne: «Di’ a tua figlia Vittoria che il papà era un grande»

passano due vigili urbani, leggono la lettera e vanno via con gli occhi lucidi. Da quel portone, anche ieri mattina, è uscita la piccola Vittoria per andare all’asilo.

La bambina non sa ancora che il suo papà non c’è più. «Era come se dormisse, come se non avesse sofferto», ha raccontato il procuratore capo di Udine, Antonio De Nicolo. «La stanza era ordinata, nessun medicinale, nessuna strana sostanza». Oggi verrà fatta l’autopsia con il medico legale Carlo Moreschi e l’anatomopatologo Gaetano Thiene.