La manager di Pamela Prati, Eliana Michelazzo, crolla: “Ho mentito”. Ora vuole entrare al Grande Fratello (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 20 maggio 2019, alle ore 10:24

La manager di Pamela Prati, Eliana Michelazzo, crolla: “Ho mentito”. Ora vuole entrare al Grande Fratello

Eliana Michelazzo crolla e confessa: “Mark Caltagirone non esiste”. Chiede di entrare al Grande Fratello per evitare l’ennesima pressione mediatica

Eliana Michelazzo, la confessione shock: “Mark Caltagirone non esiste. Io sono la prima vittima. Ho paura, dovrei andare nella casa del Grande Fratello”.

Una delle manager di Pamela Prati, Eliana Michelazzo, ha fatto una confessione sconvolgente riguardo il tanto annunciato e poi annullato matrimonio tra la soubrette e l’imprenditore Mark Caltagirone.

La manager di Pamela Prati, Eliana Michelazzo, crolla: “Ho mentito”. Ora vuole entrare al Grande Fratello

La Michelazzo interverrà in una puntata per sapere se i produttori del Grande Fratello hanno accolto la sua richiesta di entrare nella casa per evitare un ulteriore pressione mediatica che si scatenerà dopo l’intervista che ha rilasciato a Live – Non è la D’urso che andrà in onda mercoledì 22 maggio.

Partiamo dall’inizio, Eliana Michelazzo è l’altra protagonista di questa vicenda assurda sul presunto fidanzamento e matrimonio di Pamela Prati con un imprenditore sconosciuto di nome Mark Caltagirone.

La manager di Pamela Prati, Eliana Michelazzo, crolla: “Ho mentito”. Ora vuole entrare al Grande Fratello

Finalmente, dopo settimane di gossip, Eliana ha rivelato la sua verità: Mark Caltagirone non esiste. Ricordiamo che Eliana è titolare dell’agenzia Aicos Management e manager di Pamela Prati, dopo tutte le accuse, le critiche e la pressione mediatica subita, è crollata ed ha confessato: “Mark Caltagirone non esiste. Io sono la prima vittima di questo sistema”.

Sono mesi che si aspettava di arrivare ad una conclusione di questa recita architettata da non si sa ancora chi. Mercoledì la Michelazzo lancerà questa bomba nel salotto serale di Barbara D’urso: