Il bimbo che dona i suoi risparmi per le Alpi devastate: “Per la montagna ferita” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 16 novembre 2018, alle ore 00:55

Il bimbo che dona i suoi risparmi per le Alpi devastate: “Per la montagna ferita”

Belluno, il bimbo che dona i suoi risparmi per salvare gli alberi

Un bimbo veneto di 9 anni ha voluto destinare tutti i suoi risparmi (5 euro) a Rocca Pietore, colpita dal forte maltempo che nei giorni scorsi si è abbattuto sulla nostra Penisola. Achille ha scritto una lettera al sindaco, che si è commosso.

Achille Marigo è un bambino di 9 anni che vive a Mira in provincia di Venezia. Proprio in una delle regioni colpite duramente dal maltempo delle scorse settimane, il bambino ha deciso di donare i suoi risparmi alla popolazione più colpita dal forte maltempo.

Il bimbo che dona i suoi risparmi per le Alpi devastate: “Per la montagna ferita”

Ricordiamo che solo in Veneto il maltempo che si è abbattuto in Italia nei giorni scorsi, ha causato danni di circa 1 miliardo di euro, per non parlare delle oltre 5mila famiglie rimaste senza elettricità. Achille Marigo ha già una passione innata per la montagna e il suo sogno è quello di diventare una guardia forestale quando diventerà grande.

Mentre stava guardando la televisione, il bambino è rimasto impietrito davanti alle immagini trasmesse sui vari telegiornali che mandavano in onda scene apocalittiche, alberi e case abbattute a causa del maltempo.

Il bimbo che dona i suoi risparmi per le Alpi devastate: “Per la montagna ferita”

Da lì dopo aver visto un annuncio in cui la presentatrice invitava ad inviare un sms solidale alle zone più colpite, il bambino ha manifestato alla mamma il suo bisogno di “aiutare il posto con più danni.” Dopo, Achille ha deciso di scrivere una piccola lettera indirizzata direttamente al sindaco di Rocca Pietore, Andrea De Bernardin. Proprio in questo comune si è manifestato l’epicentro della furia sconvolgente del maltempo che ha colpito duramente il nostro paese, ai piedi della Marmolada. Nella lettera scritta proprio dalle sue manine si legge: