Funerali di Ginevra, la bimba di 17 mesi uccisa dal papà: gente impietrita dal dolore. Il nonno: “Spero suo padre viva, deve soffrire” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 18 luglio 2019, alle ore 12:52

Funerali di Ginevra, la bimba di 17 mesi uccisa dal papà: gente impietrita dal dolore. Il nonno: “Spero suo padre viva, deve soffrire”

Tanta commozione ai funerali della piccola Ginevra svolti questa mattina alle 10, la bimba di soli 17 mesi è stata uccisa da suo padre Salvatore Narciso.

Si sono svolti oggi giovedì 18 luglio i funerali della piccola Ginevra, la bimba uccisa a soli 17 mesi dal papà Salvatore Narciso dopo essere stata scaraventata nel vuoto dal secondo piano dell’abitazione dei nonni materni a San Gennaro Vesuviano.

Il feretro della piccola vittima è arrivato alle 9 di questa mattina nella chiesa dei Santi Gioacchino ed Anna in via Roma ed alle 10:30 si è svolta la cerimonia funebre. Ieri intorno alle 15 è stata effettuata l’autopsia sul corpicino di Ginevra, poi la la salma è stata restituita ai familiari.

Funerali di Ginevra, la bimba di 17 mesi uccisa dal papà: gente impietrita dal dolore. Il nonno: “Spero suo padre viva, deve soffrire”

Per tutta la giornata di oggi è stato proclamato il lutto cittadino da parte del commissario prefettizio.

La bimba è stata uccisa dal papà che poi ha cercato anch’egli di togliersi la vita ed è attualmente ricoverato in gravi condizioni presso l’ospedale Caldarelli. I medici dicono che non è in pericolo di vita. Il motivo che ha spinto l’uomo a commettere questo folle gesto è dovuto ad una serie di litigi con la moglie Agnese che, a quanto dicono, voleva la separazione. Il litigio sarebbe avvenuto la sera precedente dopo un soggiorno trascorso in Cilento.

Funerali di Ginevra, la bimba di 17 mesi uccisa dal papà: gente impietrita dal dolore. Il nonno: “Spero suo padre viva, deve soffrire”

Il matrimonio tra Agnese e Salvatore risale soltanto al 2016. La coppia abitava a Caserta ma ultimamente, nei weekend andavano dai genitori della donna ed è proprio in quella casa che è successo tutto. Alcuni parenti hanno raccontato che Ginevra aveva fatto cadere il latte sulla tovaglia e così Salvatore l’ha presa in braccio ed ha chiesto a sua moglie di mettere la tovaglia sporca in lavatrice. Approfittando della distrazione di Agnese, è salito al piano di sopra ed ha gettato la bimba dalla finestra delle scale. 

Fiori bianchi ad accogliere la piccola bara bianca in chiesa gremita per dare l’ultimo saluto alla piccola vittima.