Emma Marrone replica alle offese del leghista e scoppia a piangere sul palco: “Non lo merito, non sarò mai come voi” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 23 febbraio 2019, alle ore 16:38

Emma Marrone replica alle offese del leghista e scoppia a piangere sul palco: “Non lo merito, non sarò mai come voi”

Emma Marrone replica alle offese ricevute in questi ultimi giorni e scoppia a piangere sul palco: “Violenza contro i miei genitori”

“Aprire i porti? Apri le tue cosce”. Emma Marrone scoppia a piangere durante il concerto ad Ancona, in queste ore è finita nella bufera. Mentre si stava esibendo, risponde alle critiche e offese subite e non riesce a trattenere le lacrime pensando al dispiacere arrecato ai suoi genitori.

Emma Marrone replica alle offese del leghista e scoppia a piangere sul palco: “Non lo merito, non sarò mai come voi”

Il consigliere comunale della Lega ha insultato la cantante pugliese Emma Marrone che durante il suo concerto ad Eboli aveva fatto un commento sulla questione dei migranti: “Aprite i porti“. Massimiliano Galli, consigliere comunale di Amelia (Terni) della Lega, sotto un posto de Il Giornale, aveva lasciato un commento riferendosi alla cantante scrivendo: “Aprire i porti? Tu apri le cosce. Faresti bene ad aprire le tue cosce facendoti pagare per esempio“.

Emma Marrone replica alle offese del leghista e scoppia a piangere sul palco: “Non lo merito, non sarò mai come voi”

La reazione della Lega Umbria è stata immediata e il consigliere è stato espulso dal partito. Attraverso una nota ufficiale dell’onorevole Virginio Caparvi segretario regionale Lega Umbria, hanno comunicato: “La Lega Umbria si dissocia dal commento sessista espresso dal consigliere comunale di Amelia, Massimiliano Galli, nei confronti della cantante Emma. Anche il dissenso più forte non può mai scadere in simili commenti. Le affermazioni del consigliere non solo sono inaccettabili, ma assolutamente distanti dallo spirito e dai valori espressi dalla Lega e dunque chiunque utilizzi questo linguaggio non può rappresentare il nostro movimento”.