Dopo 50 anni chiude la sua bottega: “Tutta colpa della fattura elettronica, è troppo complicata” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 15 gennaio 2019, alle ore 12:47

Dopo 50 anni chiude la sua bottega: “Tutta colpa della fattura elettronica, è troppo complicata”

La signora Maria chiude la sua storica bottega di generi alimentari dopo 50 anni: “Colpa della fattura elettronica, troppo complicata”

Maria Frizzero, dopo più di 50 anni di attività, ha deciso di chiudere la sua storica bottega di generi alimentari a San Vittore di Colognola in provincia di Verona. Il motivo che l’ha spinta a fare questo è per l’arrivo della fatturazione elettronica: “Troppo tecnologica e complicata per me. Ho assistito all’arrivo del registratore di cassa e al passaggio dalla lira all’euro adeguandomi subito”.

Dopo 50 anni chiude la sua bottega: “Tutta colpa della fattura elettronica, è troppo complicata”

“Ma di fronte alla fattura elettronica sono costretta ad arrendermi”. Molti lavoratori non hanno preso di buon occhio questa novità, la fatturazione elettronica sta creando particolari difficoltà a partire dai commercialisti ma c’è chi come Maria si è voluto arrendere e non ha provato nemmeno ad affrontare il passaggio dalla fatturazione tradizionale a quella elettronica che dal primo gennaio 2019 è diventata obbligatoria. La donna è proprietaria di una bottega storica della frazione di San Vittore di Colognola nel veronese.

Dopo 50 anni chiude la sua bottega: “Tutta colpa della fattura elettronica, è troppo complicata”

Ha un negozio di generi alimentari che presto chiuderà dopo più di 50 anni di attività. Maria in questi anni ha affrontato tantissime difficoltà tra queste la crisi economica degli ultimi anni, ma alla fine si è arresa di fronte alla novità tecnologica. Maria ha voluto raccontare a L’Arena i motivi che l’hanno spinta a prendere questa decisione: “Ho assistito all’arrivo del registratore di cassa e al passaggio dalla lira all’euro adeguandomi subito, ma di fronte alla fattura elettronica sono costretta ad arrendermi“.