Bauba ha realizzato il suo sogno: “Dalla Guerra Civile in Mali alla Laurea a Sassari, ora…” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 21 luglio 2019, alle ore 12:23

Bauba ha realizzato il suo sogno: “Dalla Guerra Civile in Mali alla Laurea a Sassari, ora…”

Bakary Coulibaly, conosciuto da tutto come Bouba, nella giornata di ieri ha realizzato uno dei suoi più grandi sogni. Il 32enne originario del Mali è riuscito a laurearsi all’Università di Sassari dopo aver passato tante peripezie. Con la corona di alloro in testa e le lacrime di commozione che gli scorrevano sul viso, il giovane ha raccontato la sua storia ai giornalisti de il Corriere Della Sera. 
Bouba, nato in piccolo villaggio nel nord del Mali, è arrivato in Italia nel 2015 dalla Libia attraversando il Mediterraneo a bordo di un barcone. 

Bauba ha realizzato il suo sogno: “Dalla Guerra Civile in Mali alla Laurea a Sassari, ora…”

Il suo gruppo fu soccorso da “una grande nave militare tedesca” e insieme agli altri sbarcò in Sardegna. Qui il ragazzo è riuscito a ottenere la protezione internazionale a causa di ciò che gli era successo e ha ottenuto a una delle borse di studio della Crui e del Ministero dell’Interno per rifugiati e titolari di protezione sussidiaria, costretti a interrompere gli studi nel Paese d’origine. Ieri, dopo essersi immatricolato nel 2016, Bouba ha conseguito la laurea magistrale nel Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica dell’Università di Sassari con il massimo dei voti.

Bauba ha realizzato il suo sogno: “Dalla Guerra Civile in Mali alla Laurea a Sassari, ora…”

A spingerlo lontano dal suo paese fu la guerra civile scoppiata con la ribellione degli indipendentisti del nord del Mali, supportati dagli islamisti di Boko Haram. Bouba aveva 25 anni e si era appena laureato in Antropologia. Era pronto a vivere la sua nuova vita, ma quando le truppe militari presero possesso del suo villaggio finì in carcere per essersi opposto – pur essendo musulmano – ai concetti degli estremisti.  Il ragazzo riuscì ad evadere insieme ad altre persone e si trovò davanti a un bivio: restare e rischiare di essere ucciso o fuggire. 

(CONTINUA NELLA PAGINA SUCCESSIVA)