Iscriviti

Kimchi, il cane cieco con il cane guida personale

Kimchi è un ex cane randagio che soffre di una cecità totale. Il quattrozampe, una volta trovata una sistemazione, è stato anche affiancato da un cane guida personale.

Natura e Animali
Pubblicato il 1 ottobre 2018, alle ore 19:14

Mi piace
16
0
Kimchi, il cane cieco con il cane guida personale

La vicenda del cane Kimchi è da inquadrare nell’arcipelago delle Filippine, nell’Asia insulare: il quattrozampe è un randagio che soffriva di una cecità quasi totale e che viveva in modo pessimo la sua condizione da cane girovago, trovando chiaramente difficoltà in ogni aspetto della sua vita, a partire dall’alimentazione giornaliera. I responsabili del CARA (Compassion and Responsability for Animals) hanno trovato questo povero animale nel corso di una delle loro missioni di recupero dei randagi, dopo aver ricevuto al loro numero di telefono diverse segnalazioni in merito dagli abitanti della zona.

Una volta preso il cane sotto il loro controllo, i volontari gli hanno assegnato il suo attuale nome, Kimchi, e tutti si sono accorti di quanto questo quattrozampe in difficoltà fosse dolce, socievole e simpatico, fatto che lo ha reso uno dei cani più ricercati per l’adozione di tutto il loro canile, nonostante le grosse difficoltà visive. Una famiglia in particolare ha stupito e colpito i volontari del CARA.

L’adozione di Kimchi

Queste persone sono giunte al canile con il loro cane, Ginger, un golden retriever femmina in età adulta. Il cane dal pelo bianco è stato subito attratto da quel curioso Cocker Spaniel, tanto che la famiglia ha cambiato idea: stava adottando un altro esemplare ed ha scelto di portare a casa con sé Kimchi, con tutto quello che questo comportava.

Ginger si è presa cura di Kimchi fin dal primo momento e gli ha fatto compagnia in ogni istante del giorno, nelle passeggiate e nei momenti di riposo in casa. Quando per Kimchi la cecità è diventata totale, la fedele Ginger ha deciso di fare da cane guida per il suo amico, offrendogli il suo aiuto ed accompagnandolo ovunque vada.

I cani sono ora in età abbastanza avanzata e sono i cani ambasciatori di questa struttura per animali delle Filippine: insieme vanno negli ospedali a fare visita e compagnia agli anziani ed ai bambini malati, si recano nelle scuole per fare da testimonial e nelle Filippine la loro pagina Instagram risulta una delle più visitate del Paese dagli amanti degli animali.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - La profonda amicizia non ha confini, né tra gli esseri umani, né tra i cani e questa storia ne è la piena dimostrazione. Nonostante tutte le difficoltà comportate dall'essere cieco, Kimchi è sempre stato molto socievole ed allegro e Ginger gli fa da cane guida in ogni momento della giornata, talmente è forte il legame di amicizia che li lega. I due sono inseparabili, nonostante le numerose differenze fra di loro e sono felici.

Lascia un tuo commento
Commenti
Grazia Battista
Grazia Battista

03 ottobre 2018 - 17:18:02

Che meraviglia fanno tenerezza e grande cuore l'umano che li ha adottati l'amicizia e una delle cose più belle che ci sia a questo mondo e mi ha molto colpita l'amicizia dei dei cani

0
Rispondi