Iscriviti
Firenze

Il cane antidroga Piper continua a mietere successi a Firenze e dintorni

Il cane Piper è divenuto da lungo tempo un beniamino dei social e degli abitanti di Firenze che credono nel recupero della dignità civile della città: le sue operazioni antidroga andate a segno, nel corso dell'estate, sono state numerose.

Natura e Animali
Pubblicato il 2 settembre 2018, alle ore 20:19

Mi piace
15
0
Il cane antidroga Piper continua a mietere successi a Firenze e dintorni

Un cane in servizio in un corpo di Polizia Municipale, uno dei tanti che incontriamo nei nostri paesi e e nelle nostre città con gli agenti comunali, secondo voi, può diventare una star? La risposta è sì, soprattutto se il suo compito giornaliero è portato a termine con grandi risultati e se il contributo che dà ad una vita migliore degli abitanti della città diventa fortemente rilevante. Ecco spiegato, in un paio di frasi, il successo che sta riscuotendo negli ultimi mesi il cane Piper, una femmina di Working Shepherd australiano di quattro anni di età, un esemplare scelto fra molti altri con l’analisi del DNA per le sue doti di eccellente guardiano di pecore, capre ed altri animali da pastorizia. Il destino, per Piper, è stato però diverso da quello dei suoi colleghi che si dilettano a fare la guardia alle greggi.

Piper è stato addestrato nei centri nazionali che le forze dell’ordine predispongono per l’allevamento e la crescita di cani antidroga, antiesplosivi e da ricerca di vittime e sopravvissuti dei disastri naturali ed artificiali. Pensiamo solo, giusto per citare l’ultimo episodio, al grandissimo contributo che i cani hanno dato nel ritrovamento dei superstiti in seguito al crollo del ponte Morandi a Genova. Piper è risultato, dopo la conclusione della sua campagna di istruzione, uno dei migliori cani antidroga attualmente in circolazione.

Il suo “posto di lavoro” lo ha trovato presso la Polizia Municipale di Firenze, dove il suo conducente, che dispone di qualifica di Istruttore cinofilo Csen, lo porta nelle zone dello spaccio della città capoluogo della Toscana, nei luoghi dove i pusher operano i loro commerci illegali. Uno dei luoghi più frequentati da questa branca della malavita è la zona dell’Ippodromo delle Cascine.

Nell’ultimo anno Piper ha portato all’arresto ed alla confisca di un totale di diversi etti di droga; la sua ultima operazione è stata eseguita proprio alle Cascine, con 56 grammi tra hashish e marijuana nascosti dagli spacciatori in fuga nella vegetazione, in un sacchetto di plastica. Il cane, in pochi mesi, è divenuto una stella ed un personaggio nella città di Firenze e sui social, proprio per i risultati positivi delle sue azioni.

Nella sua vita privata, se cosi la vogliamo definire, però, Piper vive come farebbe un qualunque Working Shepherd australiano, denigrando la vita al chiuso, preferendo sempre dormire all’aperto anche in caso di condizioni meteorologiche avverse, con i pasti sempre svolti all’aperto. Piper sta vivendo il suo momento di gloria, tutto sommato, con grande semplicità.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Il contributo positivo che cani come Piper danno alla società è fondamentale: il suo eccellente lavoro ed i risultati in serie ottenuti gli hanno permesso di diventare celebre nella sua città e sul Web. Per combattere fenomeni come la diffusione capillare dello spaccio di droga, secondo me, bisognerebbe moltiplicare l'addestramento di cani così speciali, per dare un taglio ancora più netto ad una delle piaghe che minano la società italiana e quella internazionale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!