Iscriviti

Frosinone: vengono salvati 46 cani e 65 tartarughe dal mercato di contrabbando

La Polizia Stradale mette a segno un colpo eccellente rivolto a contrastare il mercato illecito di animali e di cuccioli: sono stati salvati quarantasei cani e sessantacinque piccole tartarughe.

Natura e Animali
Pubblicato il 17 aprile 2018, alle ore 11:03

Mi piace
18
0
Frosinone: vengono salvati 46 cani e 65 tartarughe dal mercato di contrabbando

Il mercato illecito di contrabbando di cuccioli di animali continua inesorabile e, anche in questo caso, la Polizia Stradale si è resa protagonista di un’operazione messa brillantemente a segno per fermare questo orrendo crimine verso creature appena nate. Nei pressi di Frosinone, gli uomini della Stradale stavano cercando da tempo di bloccare il traffico illecito di animali e ci sono riusciti.

La Polizia ha fermato un’utilitaria nei pressi del chilometro 599 dell’autostrada A1, intimando la vettura, una Fiat Stilo, ad accostare; quando i poliziotti hanno bloccato la macchina a bordo strada, hanno trovato alla guida, proprio come pensavano, un 52enne della Campania con precedenti penali alle spalle.

La perquisizione della vettura è stata minuziosa e subito è stato aperto il bagagliaio, dove sono state trovate delle gabbie ed un grosso scatolone di cartone: qui dentro si trovavano ben sessantacinque tartarughe, esemplari di comune tartaruga terrestre del tipo di quelle regolamentate dall’Unuone Europa. Nelle gabbie invece erano rinchiusi dei cuccioli di cane, ammassati come panni sporchi dentro quegli stretti contenitori.

La perquisizione è proseguita fino ad aver controllato ogni spazio dell’automobile e si è giunti al vano della ruota di scorta, nel quale erano stati rinchiusi altri cuccioli di cane, tutti di razza, in condizioni sanitarie che hanno messo a rischio la loro sopravvivenza in questo lungo viaggio. Con ogni probabilità, l’uomo stava trasferendo tutti questi animali dall’Europa dell’Est, dove questo genere di affari illecito è molto fiorente, fino a Napoli, dove l’uomo avrebbe rivenduto il proprio prezioso carico.

I cani, per l’appunto, appartenevano tutti a razze di prestigio: maltesi, carlino, volpino, volpino di Pomerania, Cavalier King Charles, bulldog francese, terrier. Tutto questo prezioso carico poteva fruttare, secondo le stime degli investigatori, almeno 20mila euro di guadagni. Il 52enne è stato incriminato per maltrattamento sugli animali e per traffico di contrabbando di cuccioli e verrà portato a processo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Ringraziare la Polizia Stradale, i Carabinieri ed i Finanzieri è il minimo che si possa fare per tutte queste operazioni che mirano a tagliare le sporche connessioni dei traffici illeciti di animali. La cosa più orrbile che salta all'occhio sono le condizioni con cui questi animali vengono portati in Italia, dall'Est Europa, per essere rivenduti: rinchiusi stretti nei vani più nascosti, ammassati come spazzatura e con la possibilità concreta di morire in modo atroce per soffocamento e per le pessime condizioni igieniche nei quali si trovano. Passo dopo passo, il lavoro eccellente delle forze dell'ordine porterà allo smembramento di questo odioso commercio illecito.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!