Iscriviti

Ancona, sequestrato un gatto dalle autorità: viveva in condizioni precarie e pericolose

Le autorità di ordine pubblico hanno sequestrato un gatto ad Ancona perché viveva in condizioni molto precarie e pericolose: ecco quali sono i motivi del provvedimento.

Natura e Animali
Pubblicato il 14 giugno 2018, alle ore 16:16

Mi piace
17
0
Ancona, sequestrato un gatto dalle autorità: viveva in condizioni precarie e pericolose

Ad Ancona, nelle Marche, un gatto è stato sequestrato dalle autorità dell’ordine pubblico, dopo che hanno ravvisato un pericolo per la sua salute, a seguito di una segnalazione che hanno ricevuto gli organi di polizia del capoluogo marchigiano.

Ad intervenire sul luogo sono state le guardie zoofile dell’Oipa, che si occupano regolarmente di interventi a salvaguardia degli animali che sono in pericolo per la propria salute. Il luogo nel quale queste persone sono andate ad intervenire è una palazzina a più piani, ma l’operazione si è rivelata più complessa del previsto, poiché il luogo dove si trovava il gatto era per loro assolutamente irraggiungibile.

Il micio in pericolo era relegato su un balcone di una casa nella quale in quel momento non erano presenti i proprietari da molto tempo. Per entrare dall’appartamento chiuso sarebbe stato necessaria un’autorizzazione degli organi giudiziari, non prevista in questo caso, quindi le guardie dell’Oipa hanno dovuto trovare una via alternativa.

Fin da subito era chiaro che il gatto non stesse benissimo: il balcone era esposto per molte ore al sole e con il caldo di questo inizio di estate si trovava in uno stato avanzato di disidratazione e di malessere. Le guardie hanno operato un intervento lungo diverse ore, fino a notte tarda, quando sono riusciti ad avvicinarsi al micio in pericolo.

Il proprietario dell’abitazione, fra l’altro, è risultato avere una fedina penale non propriamente linda e per questo l’Oipa ed i suoi uomini chiederanno la confisca immediata del gatto, di modo da curarlo con una costanza maggiore e, successivamente, per assegnarlo ad una famiglia che si tenga cura di lui.

Già da ora la magistratura ha dato il beneplacito per l’assegnazione del gatto ad una nuova famiglia, perciò da oggi è possibile inviare una e-mail all’Oipa delle Marche per avere la possibilità di adottare questo animale che in passato ha molto sofferto ed ora trovi un po’ di pace.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Ci sono persone che non si rendono conto quali pericoli possano correre cani e gatti chiusi in un balcone: è possibile che questi individui credano che lì si trovino al sicuro, ed in parte è vero, ma il clima estivo li mette a durissima prova, specie se non hanno un riparo per stare al fresco. Tanto meno lo ha compreso il proprietario di questo gatto, con molti precedenti penali, ma per fortuna le guardie dell'Oipa hanno salvato la sorte a cui andava incontro questo animale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!