Iscriviti

Lele Spedicato, il bollettino medico: "Condizioni di salute in lento miglioramento"

Le condizioni cliniche di Lele Spedicato, il chitarrista della celebre band salentina dei Negramaro, sembrano essere stazionarie ed in lento miglioramento: ecco tutti i dettagli.

Musica
Pubblicato il 20 settembre 2018, alle ore 18:29

Mi piace
9
0
Lele Spedicato, il bollettino medico: "Condizioni di salute in lento miglioramento"

Lele Spedicato, il chitarrista della band salentina dei Negramaro, è ricoverato da lunedì 17 settembre all’ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è stato trasportato d’urgenza in gravi condizioni a causa di un’improvvisa perdita di conoscenza dopo aver accusato un forte mal di testa; quindi la diagnosi di emorragia cerebrale estesa.

Sottoposto ad intervento d’urgenza, per drenare e limitare l’estensione dell’emorragia, Lele è ora tenuto in coma farmacologico e stando a quanto riportato da alcune agenzie di stampa, l’ultimo bollettino medico diramato dalla direzione sanitaria parla di condizioni stazionarie ed in lento miglioramento; nonostante ciò però la prognosi rimane riservata.

Sono ore di cauto ottimismo quelle che si stanno vivendo per Lele Spedicato, il chitarrista della celebre band pugliese, che sta lottando tra la vita e la morte a causa di un’emorragia cerebrale, che lo ha colpito improvvisamente lunedì mattina appena alzato. Stando a quanto è stato riportato dalla sua compagna, infatti, il chitarrista aveva accusato un forte mal di testa appena alzato, seguito poi da disturbi visivi, in seguito ai quali si è, infine, accasciato sul selciato del giardino di casa, perdendo conocenza.

La tempestività della diagnosi è stata fondamentale per limitare i danni dell’emorragia e ha permesso di sottoporre il chitarrista in breve tempo ad operazione chirurgica, con cui si è drenato quanto possibile. Stando a quanto diramato dalla direzione dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, la prognosi rimane riservata considerata la gravità del quadro clinico complessivo ma anche che: “è stato sottoposto a diverse TAC il cui stato conferma l’evoluzione positiva del quadro clinico del paziente”  aggiungendo anche “che permane sostanzialmente stabile“, per poi proseguire dicendo che “anche i parametri vitali, monitorati costantemente, continuano ad essere buoni“.

Dunque il quadro clinico sta lentamente migliroando, facendo ben sperare per una ripresa del chitarrista, anche se è ancora troppo presto per capire quali saranno gli eventuali danni che l’emorragia può aver apportato al cervello, quindi quali funzioni può aver compromesso. Intanto il popolo del web, ma anche tanti esponenti del mondo della musica e dello spettacolo, si stringono intorno ai Negramaro, così come alla compagna di Lele, che però chiede a tutti di rispettare la loro privacy in questo delicato momento.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - Siamo tutti con Lele, con la compagna Clio e con la band salentina dei Negramaro, affinché il chitarrista possa riprendersi presto e ritornare sul palco a suonare la sua chitarra. Ancora una volta però mentre il popolo del web si è stretto intorno ai Negramaro e a Lele, augurandogli ogni bene, c'è stato chi invece ha espresso parole indegne per qualsiasi essere umano.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!