Iscriviti

Il ritorno dei Subsonica con il nuovo album "8"

I Subsonica, la band di Torino capitanata da Samuel, sono tornati con un nuovo album dal titolo "8", che esce il 12 ottobre, ricco di numerosi significati simbolici.

Musica
Pubblicato il 10 ottobre 2018, alle ore 22:34

Mi piace
5
0
Il ritorno dei Subsonica con il nuovo album "8"

Dopo quattro anni di esperienze individuali, in cui ognuno dei componenti si è dedicato a nuovi lavori e collaborazioni, i Subsonica, la band di Torino composta da Samuel, Boosta, Ninja e Vinicio è tornata con un nuovo album dal titolo “8“, in uscita il 12 ottobre. Un titolo importante, non solo perché è l’ottavo album della band, ma anche per il significato di questo numero che simboleggia il tempo che gira su se stesso.

La band ha deciso di presentare l’album a Castel del Monte, in Puglia, un luogo dai forti richiami e numeri simbolici, nel cortile di un castello dalla forma ottagonale e con 8 torri. La band ha manifestato la gioia di poter essere presente in un luogo di questo tipo: “Questo luogo ci piaceva perché sia geograficamente che architettonicamente è un crocevia di culture, tra Europa e mondo arabo, oltre a contenere tantissime simbologie legate al numero 8”.

I brani del nuovo album sono 11 e la band riparte da dove tutto è iniziato. In questo lavoro discografico mescolano le sonorità elettroniche e le melodie che li hanno sempre caratterizzati, ma fanno anche alcune riflessioni sulla società attuale, per esprimere la loro opinione, come sempre hanno fatto in questi anni.

Il gruppo fa poi una sorta di excursus sui nuovi brani, a partire da “Jolly Roger“, il pezzo d’apertura che ricorda il sound degli anni ’90, per poi giungere ai giorni d’oggi; “Adesso siamo qui” è l’anima del disco e anche la loro in quanto individui; “Incubo” è una sorta di dicotomia tra il passato ed il futuro, con tutte le sue incertezze; si arriva poi a “Punto critico” e agli altri brani di cui l’album è composto, tra i quali figura un pezzo come “Le onde, dedicato a Carlo Rossi, primo produttore del gruppo, scomparso nel 2015.

L’album è stato registrato a Torino, città d’origine della band, e mixato in Inghilterra, precisamente a Londra. Al disco seguirà un tour di nove date che tocca varie città nord europee, per poi giungere in Italia, a partire dal mese di febbraio 2019, con doppia data a Torino e a Milano e con alcune grandi novità, a cominciare dal palco che entusiasmerà e sbalordirà tutti i presenti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Apprezzo tantissimo questo gruppo e poi il fatto che siano di Torino, abbastanza vicino a casa mia, mi permette di apprezzarli ancora di più. Ho seguito anche le carriere di Samuel e Boosta, che sono andate abbastanza bene. Sono molto curiosa di ascoltare i nuovi brani e capire cosa è nato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!