Iscriviti

Francia in lutto per la morte di Johnny Hallyday

La moglie Laeticia Hallyday: "Il mio uomo non c’è più, ci ha lasciati questa notte così come ha vissuto lungo tutto il corso della sua vita, con coraggio e dignità". Emmanuel Macron: "Abbiamo tutti, in noi, qualcosa di Johnny".

Musica
Pubblicato il 7 dicembre 2017, alle ore 07:45

Mi piace
6
0
Francia in lutto per la morte di Johnny Hallyday
Pubblicità

Johnny Hallyday, rockstar che ha fatto palpitare generazioni di francesi, questa notte è morto all’età di 74 anni. Da un anno circa gli era stato diagnosticato un tumore ai polmoni. Nella notte tra domenica e lunedì era stato ricoverato a Parigi per problemi respiratori, ma già da mesi la malattia l’obbligava a sottoporsi ad un trattamento anti-cancro.

Molte volte la famiglia aveva cercato di nascondere la malattia che ogni tanto veniva diffusa da alcuni media. Ma questa volta è stata proprio Laeticia Hallyday, la moglie a dare la triste notizia, qualche minuto prima delle tre del mattino in un comunicato diffuso ai media: “Johnny Hallyday è andato via. Scrivo queste parola senza potervi credere. E tuttavia è proprio così. Il mio uomo non c’è più, ci ha lasciati questa notte così come ha vissuto lungo tutto il corso della sua vita, con coraggio e dignità“. 

Non pesavano proprio i 55 anni di carriera alle spalle, tanto che poco tempo fa Johnny Hallyday aveva dichiarato di sentirsi pronto a preparare un nuovo album in vista di una tourne’e estiva nel 2018. Sembrava non pesargli nemmeno la malattia, annunciata dallo stesso a marzo, dato che la scorsa estate continuò a cantare in tour con le Vieilles Canailles, Jacques Dutronc, Eddy Mitchell e con gli amici storici. Ma dopo quest’ultimo tour, il silenzio.

Emmanuel Macron, tra i primi a reagire alla morte del cantante, si è fatto vicino con un comunicato diffuso in piena notte dall’Eliseo: “Abbiamo tutti, in noi, qualcosa di Johnny“. E continua il premier francese affermando nulla di Johnny Hallyday verrà dimenticato, nemmeno “le interpretazioni, che, con quel lirismo secco e sensibile, appartengono oggi in pieno alla storia della canzone francese. Ha fatto entrare una parte dell’America nel nostro Pantheon nazionale“.

Da questa mattina i notiziari radio e tv sono andati in onda in edizione speciale per la scomparsa del musicista francese tanto popolare e quanto caro a tutta la Francia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - E' sempre triste venire a sapere che una persona ci lascia, che la malattia ancora una volta ha avuto l'ultima parola su una persona che avrebbe ancora cose nuove da raccontare, da cantare... E' triste. La voglia di cantare, di programmare, di farcela... a volte non bastano. Grazie alla moglie per la bellissima testimonianza: "Il mio uomo... se ne è andato con coraggio e dignità".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!