Iscriviti

Huawei Nova 2 Lite vs Leagoo XRover: low cost contro top rugged phone

Huawei scalda i motori in attesa del suo top di gamma e si limita al low cost Nova 2 Lite, downgrade di un precedente modello dell'azienda, mentre l'emergente Leagoo sfodera il suo primo rugged phone, equipaggiandolo con processore Helio P23 ed Oreo 8.1.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 14 marzo 2018, alle ore 10:57

Mi piace
6
0
Huawei Nova 2 Lite vs Leagoo XRover: low cost contro top rugged phone

Manca veramente poco alla presentazione del suo top gamma e, nel frattempo, Huawei aiuta ad ingannare l’attesa con la presentazione di uno smartphone di fascia medio-bassa, lo Huawei Nova 2 Lite, con qualche vezzosità premium. Diverso il discorso per Leagoo che, invece, amplia la sua gamma introducendovi un device rugged con mire sulla fascia alta, il Leagoo XRover.

Con una scocca (158,3 × 76,7 × 7,8 mm, per 155 grammi.) cadenzata nelle tonalità Blue, Gold, e Matte Black, lo Huawei Nova 2 Lite somiglia – nel frontale – ad un Galaxy S8 con la differenza rappresentata dalla natura flat del display, un pannello LCD da 5.99 pollici, con angoli visuali ottimizzati via IPS, e risoluzione HD+ (1440 x 720 pixel, dettata dall’aspect ratio a 18:9). La selfiecamera arriva a 8 megapixel, mentre quella posteriore – grazie al doppio sensore da 13+2 megapixel, con Flash LED – consente ottimi effetti Bokeh e modalità ritratto, ed è supportata sia dall’autofocus che dal grandangolo. Il jack da 3.5 mm per le cuffie? C’è!

All’autonomia lavorano sia la batteria, da 4000 mAh (ricaricabile via microUSB), che il sistema operativo Android Oreo 8.0 con EMUI 8.0, mentre la fluidità operativa è garantita dal comparto logico impostato attorno al processore octa core Snapdragon 430 (1.4 GHz) ed alla scheda grafica Adreno 505: in ottica multitasking, la memoria RAM è stata pensata a 3 GB, mentre l’ospitalità a dati ed app è offerta da uno storage pari a 32 GB, espandibili di 256 GB via microSD.

A bordo dello Huawei Nova 2 Lite, la connettività può contare su una robusta dotazione di tecnologie (Wi-Fi n, Bluetooth 4.2, GPS con A-GPS e GLONASS, 4G/LTE cat.6) e su due sistemi di sicurezza, rispettivamente sostanziati nello sblocco facciale sul davanti, e nello scanner per le impronte sul retro. Il prezzo previsto, al momento del lancio nelle Filippine, è di circa 180 euro (forse 229 in Italia).

Intesa ad ampliare la sua gamma, Leagoo ha annunciato il primo smartphone con processore Helio P23 sia corazzato che con ampio display a 18:9: secondo le informazioni pervenute, il primo rugged dell’azienda, dotato di certificazione IP68, monterà un processore a 8 core (clock massimo a 2.0 GHz) della MediaTek, il potente Helio P23 coadiuvato da 6 GB di RAM (LPDDR 4), mentre lo storage si attesterà sui 128 GB (eMMC 5.0) e la batteria, da 5000 mAh, disporrà della ricarica rapida (9V2A).

Il frontale, ben ottimizzato esteticamente ai lati, offrirà alloggio – con aspect ratio a 18:9 – ad un display da 5.72 pollici (HD+, quindi a 1440 x 720 pixel) ed alla selfiecamera (Sony IMX 219) da 8 megapixel, mentre la postcamera sarà doppia, e conterà su due sensori da 13 (Sony IMX 258) +5 megapixel, posti in orizzontale sullo scanner per le impronte digitali. Il sistema operativo out of the box sarà Android Oreo portato alla versione 8.1, e non mancherà la connettività 4G/LTE con supporto alla banda 20 da 800 MHz: mentre la data di lancio è prevista per il prossimo Aprile, ad un prezzo di 269.99 dollari.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Oggettivamente, 229 euro sono un po' tanti per lo Huawei Nova 2 Lite: anche al prezzo previsto in Filippine, cambio alla mano, è possibile trovare migliori equilibri tra qualità/prezzo/performance. Insomma, niente di memorabile. Interessante, invece, il device Leagoo, non foss'altro che è il primo rugged dell'azienda e per il fatto che le specifiche comunicate sono di alto livello: in un rugged, molto viene fatto dai sensori presenti, dalla capacità di resistere alla condizioni estreme, dall'autonomia del dispositivo e, quindi, un più completo giurizio lo si attenderà alla prova dei fatti, magari dopo un bel drop test.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!