Iscriviti

Archos Saphir 50X, dalla Francia arriva il nuovo smartphone corazzato di fascia entry level

Nelle scorse ore, la francese Archos ha aggiornato il suo listino, presentando il downgrade di un modello dell'anno scorso che, ora, nella declinazione Saphir 50X, diventa più sottile, leggero, e maneggevole, pur conservando una notevole batteria da 4.000 mAh.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 6 aprile 2018, alle ore 09:17

Mi piace
9
0
Archos Saphir 50X, dalla Francia arriva il nuovo smartphone corazzato di fascia entry level

La francese Archos ha annunciato la distribuzione, anche per l’Europa, del suo nuovo smartphone corazzato/rugged, l’Archos Saphir 50X che, a livello tecnico, si presenza come una sorta di downgrade più maneggevole del passato Archos Saphir 50, annunciato lo scorso anno (Febbraio 2017). 

Il nuovo Archos Saphir 50X ha una scocca (146,6 x 76 x 13 mm, per 210 grammi) garantita dalla certificazione IP68 contro acqua, polvere, e sabbia: grazie alla forma esagonale, ed al vetro protettivo Gorilla Glass 4, regge agli urti sia sul davanti che dietro, o cadendo su uno degli angoli (rinforzati). 

Lato multimedia, l’Archos Saphir 50X schiera un display LCD IPS da 5 pollici, con risoluzione HD (720 x 1280 pixel), aspect ratio a 16:9, e discreta definizione cromatica (294 PPI), sormontato da una selfiecamera da 5 megapixel interpolati (2 reali): sul retro, invece, alberga una monocamera principale da 13 megapixel (8 reali), coadiuvata dal Flash LED e dall’autofocus, capace di girare video a 1080p@30fps. Presente il jack da 3.5 mm per cuffie, l’audio annovera anche la Radio FM.

Computazionalmente, l’Archis Saphir 50X adotta un processore a quattro core (1.3 GHz di clock) della MediaTek, l’MT6737VWT, messo in tandem con una scheda grafica Mali-T720MP2: il resto della scheda tecnica di questo segmento prevede 2 GB di RAM, e 16 GB di storage, però espandibile a 64 GB via schedina microSD.

Non mancano le connettività di bordo: in questo caso, l’Archos Saphir 50X presenta il Dual SIM, il Wi-Fi n (Direct, DLNA, Hotspot), il Bluetooth 4.0 (LE, A2DP), il 4G/LTE, il GPS (A-GPS), ed una porta microUSB 2.0 (OTG) con cui ricaricare la batteria. Quest’ultima, per consentire all’assemblatore “Logos Instrument” di ridurre lo spessore di 1 mm ed il peso di 12 grammi, rispetto al predecessore, passa da 5.000 a 4.000 mAh, garantendo 2 giorni di lavoro medio al posto di 3 (e 375 ore in stand-by). Il sistema operativo è Android Nougat 7.0.

Nella sola colorazione “black” è già in pre-ordine sulla divisione italiana del sito aziendale, a 169.99 euro, con un bel risparmio (50 euro) rispetto al listino del modello “maggiore” Saphir 50. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Il prezzo è una delle prime cose che guardo nel valutare uno smartphone: oggettivamente, quasi 170 euro per un device dalle specifiche così basse, mi sembrano un'esagerazione. Vero è che si tratta di uno smartphone rugged, con garanzia europea, appartenente ad un brand facilmente rinvenibile anche nei centri commerciali più piccoli, però - per la stessa cifra - le cinesi Oukitel e Blackview offrono una scheda tecnica "corazzata" più performante ed aggiornata.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!