Iscriviti

Stagionali, da domani 8 aprile accredito di 2400 euro

L'accredito automatico di 2400 euro è previsto per gli stagionali del turismo e altre categorie di lavoratori che hanno ottenuto l’indennità una tantum del decreto Ristori nel 2020.

Lavoro
Pubblicato il 7 aprile 2021, alle ore 12:37

Mi piace
3
0
Stagionali, da domani 8 aprile accredito di 2400 euro

È previsto per domani 8 aprile 2021 l’accredito automatico di 2.400€ per gli stagionali del turismo e per altre categorie di lavoratori che hanno ottenuto l’indennità una tantum del decreto Ristori nel 2020. Quindi, per chi ha già ricevuto l’indennità nel precedente anno, non dovrà presentare nuova domanda; a breve gli altri, a parità di requisiti, potranno fare domanda per il bonus di 2.400€ e ricevere il pagamento successivamente.

Le categorie di lavoratori in possesso dei requisiti che potranno presentare domanda per l’indennità di covid da 2.400€, per il corrente anno sono, oltre ai lavoratori stagionali e i lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, anche i lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali. Inoltre, rientrano i lavoratori incaricati alle vendite a domicilio, i lavoratori intermittenti, i lavoratori autonomi occasionali e i lavoratori dello spettacolo.

Al momento, il servizio della domanda sul sito dell’Inps non è ancora attivo, ad ogni modo quando lo sarà, la domanda potrà essere presentata sia autonomamente mediante l’accesso al portale dell’Inps sia mediante Caf o Patronati. Le credenziali di accesso ai servizi Inps sono le seguenti: vecchio Pin di accesso Inps; Spid di livello 2 o superiore; carta di identità elettronica 3.0 (CIE); carta nazionale dei servizi (CNS).

Nel caso di accoglimento della domanda, che potrà essere controllato nella sezione esiti della scheda della domanda inoltrata, il pagamento avverrà secondo le modalità indicato al momento della compilazione della domanda telematica.

La tempistica di accoglimento dell’istanza presentata all’Inps, risulta essere variabile da poche settimane sino a un mese (i tempi possono essere maggiori, in caso ci siano delle informazioni non corrette nei documenti e contratto del soggetto che ha fatto richiesta dell’indennità). All’accogliemnto della domanda il beneficiario riceverà un’indennità pari a 2.400€.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Perna

Caterina Perna - Credo che l'accredito automatico sia stata la soluzione migliore, per chi ha già i requisiti validi lo scorso 2020 e che non potrà lavorare a causa delle chiusure ancora in corso. Inoltre, spero che i vincoli per le nuove domande siano meno stringenti, per permettere anche alle famiglie più disagiate di ricevere un sussidio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!