Iscriviti

La giornalista Selvaggia Lucarelli bannata da Facebook per un mese: "È la vittoria dello squadrismo 2.0"

Selvaggia Lucarelli si è ritrovata bannata da Facebook per un mese per colpa di alcune segnalazioni di massa da parte dei No Vax. La giornalista non ci sta e dice la sua in merito. Ecco cosa è successo.

Gossip
Pubblicato il 5 dicembre 2018, alle ore 18:26

Mi piace
5
0
La giornalista Selvaggia Lucarelli bannata da Facebook per un mese: "È la vittoria dello squadrismo 2.0"

Sembra proprio che Selvaggia Lucarelli sia stata bannata da Facebook per un mese per aver postato contenuti che avrebbero violato la policy del social network tanto seguito di Mark Zuckerberg. I suo follower quindi dovranno fare a meno di lei per un po’ e a renderlo noto lei stessa con un tweet ironico.

“Volevo fare i miei sentiti complimenti a Facebook che mi ha bloccata per un mese, una politica davvero vincente. Presto lì resterà solo Salvini. E avanzerà Twitter” ha infatti scritto la giudice di Ballando. Ciò che lascia basiti è il suo ban considerando il fatto che lei stessa è una giornalista e opinionista molto famosa per le sue innumerevoli battaglie contro il cyber-bullismo.

Selvaggia però è stata vittima di una ‘segnalazione di massa’ da parte di un gruppo molto numeroso di No Vax per colpa di una discussione. Intervistata dal magazine Leggo, la stessa giornalista ha voluto spiegare per filo e per segno cosa è successo ma soprattutto la sua delusione “Negli ultimi tempi mi è capitato di criticare su Facebook i No Vax e alcune uscite di Matteo Salvini. Dovete sapere che i No Vax sono gruppi ben organizzati, sempre pronti a fare segnalazioni di massa” ha infatti chiosato Selvaggia.

Nel suo caso però hanno messo nel mirino un suo commento in cui a una tizia che le dava della bulla e poveraccia la stessa Lucarelli rispondeva: ‘Non sto a elencarti il mio impegno contro il cyber-bullismo perché non perdo tempo con gli scemi presuntuosi’. Purtroppo le severissime regole di Facebook per quanto riguarda le ingiurie personali tra gli utenti hanno considerato la parola ‘scemo’ come contraria alla politica del social network sospendendo così il suo profilo per 30 giorni.

“È la vittoria dello squadrismo 2.0, il tutto perfettamente in linea con questo momento storico” ha infatti chiosato Selvaggia convinta più che mai che questo problema danneggi moltissimo gli utenti costringendoli ad allontanarsi dai social network dove gli algoritmi decidono ormai tutto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mara Ricci

Mara Ricci - Era comunque inevitabile che prima o poi Selvaggia Lucarelli venisse bannata visto che il suo profilo personale sembra essere la sua testata giornalistica. Purtroppo si sa per certo che nonostante ci sia la libertà di pensiero e di parola, soprattutto su Facebook, certe parole sono proibite perchè si rischia il ban. Sicuramente però contattando Facebook riuscirà a farselo sbloccare presto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!