Iscriviti

Claudio Amendola si confessa: “Dopo l’infarto ho capito che la felicità è un’altra cosa”

L’attore romano ha ammesso di sentirsi un uomo nuovo dopo l’infarto che lo ha colpito lo scorso settembre. Il tutto è stato anche un momento per acquisire consapevolezza su quali siano le vere priorità della vita.

Gossip
Pubblicato il 29 maggio 2018, alle ore 11:55

Mi piace
13
0
Claudio Amendola si confessa: “Dopo l’infarto ho capito che la felicità è un’altra cosa”

L’infarto che lo colpito poco meno di un anno fa lo ha cambiato profondamente. Claudio Amendola, popolare attore romano, è tornato su quel terribile spavento che ha messo in apprensione famigliari e fan. L’occasione per parlarne è stata la presentazione alla stampa di “Hotel Gagarin”, film diretto da Simone Spada che ha debuttato nelle sale cinematografiche lo scorso 24 maggio.

Per il figlio di Ferruccio, celebre doppiatore che ha dato la voce ad attori come Robert De Niro e Silvester Stallone, l’infarto ha rappresentato uno spartiacque. Il problema di salute è stato un momento per fermarsi e riflettere sulla vita.

Acquisendo consapevolezza di tante piccole cose che quotidianamente si trascurano o che si danno per scontate, l’attore ha capito che le priorità della vita sono ben altre. “Il lavoro, che per me era il Dio unico e solo della mia vita, ha smesso di esserlo. Ci sono altre cose, molto più importanti, che il lavoro stava facendo in modo che io non vivessi”.

Così dopo aver creduto di essere sempre stato felice, il protagonista della serie “I Cesaroni” ha compreso che la felicità è comunque tutta un’altra cosa dalla continua rincorsa del successo, del lavoro e dei soldi. “Quella sera ho capito che la felicità era tutto il tempo che mi rimaneva”. Dopo una vita passata di corsa, è anche giunto il momento di tirare il fiato. “Oggi voglio essere Claudio e godermi tutto quello che Claudio Amendola mi ha regalato e mi regala”.

A quel punto il passo successivo è stato smettere di bere, di fumare e soprattutto di mangiare male. L’infarto, oltre a spaventarlo, lo ha inevitabilmente responsabilizzato a seguire uno stile di vita più corretto: da lì ha perso nel giro di poco tempo ben 14 kg. Guardando poi al futuro, il suo sogno nel cassetto sarebbe quello di avere un contratto con il quale fare due film all’anno come regista. Dopo 40 anni passati nei panni di attore, questo mestiere sembra averlo decisamente stufato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Dopo l’infarto Claudio Amendola era comprensibilmente sparito dal mondo dello spettacolo, ma ora che è tornato, è veramente un’altra persona. Spesso simili circostanze sono l’occasione per farsi un esame di coscienza e riflettere sul futuro. Claudio Amendola sembra proprio aver avuto modo di fare una profonda analisi di tutta la sua vita fino ad oggi, e difficilmente commetterà gli stessi errori del passato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!