Iscriviti

"World of Warcraft: Battle for Azeroth": verso il livello 120 ed oltre

La nuova mega espansione del gioco online di casa Blizzard prova a spingere i personaggi verso il livello 120, con nuove mappe e lanciando tante sfide, ma non proprio tutto ha convinto.

Games
Pubblicato il 7 settembre 2018, alle ore 19:39

Mi piace
10
0
"World of Warcraft: Battle for Azeroth": verso il livello 120 ed oltre

World of Warcraft: Battle for Azeroth” porta il gioco online di casa Blizzard, che si appresta ad avvicinarsi col tempo ai 15 anni dalla sua uscita, nella dimensione di Azeroth, nelle terre dove il gioco negli anni ’90 prese forma ed inizio, rivelandosi uno dei prodotti più azzeccati, più divertenti, e completi dal punto di vista strategico, di sempre.

Le nuove mappe sono state costruite evocando in parte lo spirito e le terre che si trovavano nei primi titoli, quelle degli accampamenti umani fortificati contro le grandi tende e le fortezze rozze degli orchi, con un design effettivamente evocativo, ben riuscito, con un background musicale anche qui azzeccato.

Il punto che all’apparenza risalta di più di questo gioco è il passaggio del livello massimo del personaggio da 110 a 120, cosa che dovrebbe comportare un miglioramento deciso delle abilità e dei poteri del personaggio interpretato dal giocatore; invece – in tutto – si trovano pochi incrementi di valore e l’artefatto che si deve potenziare per migliorare, il Cuore di Azeroth, diventa marginale, perché scade da stimolo a parallelo dell’aumento di livello, quindi non distinguibile e quasi inutile.

Anche le missioni non danno tanti spunti: esse sono incentrati sul contesto geografico degli abitati di Kul Tiras e Zandalar, con diverse proposte che potrebbero anche essere interessanti ma, se le missioni principali trovano alcuni interessanti percorsi di gioco nelle nuove mappe, le secondarie risultano troppo banali e basiche.

Ed ecco anche il capitolo dei bonus passivi, gli unici veri guadagni che contraddistinguono ogni incremento dal livello 110 al 120, abilità che scattano in automatico che non cambiano lo stile di combattimento e non danno grande varietà al giocatore nel momento in cui si troverà a sconfiggere i nemici generati dal gioco e quelli umani. Inoltre, gli stili delle armature si sono piuttosto omologati per ogni genere di personaggio e questo, a molti, potrebbe anche non fare troppo piacere.

Tra gli elementi positivi si possono invece trovare, oltre alla grafica e al sonoro, alcune modalità di gioco estremamente divertenti, come le Scorrerie sulle Isole, che permettono a tre giocatori di partecipare a delle incursioni in vari scenari di gioco ed ottenere oggetti secondari come premio; le missioni mondiali danno delle dinamiche di gioco oramai sperimentate da tempo, ma comunque ancora ricche e valide, mentre il Fronte di Guerra permette di giocare ad una specie di guerra in stile Warcraft III, che però alla lunga non offre molto divertimento, in quanto non si può provare nemmeno l’amaro gusto della sconfitta.

“World of Warcraft: Battle for Azeroth” contiene novità interessanti, ottimi scenari di gioco ed anche diversi lati oscuri e poco consistenti dal punto di vista della longevità. Alcuni aspetti del gioco si potranno migliorare nel tempo e, classificando questa espansione, la si può collocare a metà strada tra quelle peggiori e quelle meglio riuscite.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "World of Warcraft: Battle for Azeroth" non ha convinto del tutto. Effettivamente, nel corso dei dieci anni e più di vita del gioco online di casa Blizzard, si sono viste espansioni ottime e complete sotto molti punti di vista, fino a sconfinamenti quasi nel comico e nel paradossale; come è ovvio che sia, visto che sono stati messi in atto molti prodotti con esperienze diverse ed alcune potevano risultare ottime, altre meno. "World of Warcraft: Battle for Azeroth" ha una grafica ed un reparto audio evocativi dei primi giochi e di rilievo, come le modalità di gioco nuove, mentre l'aumento al livello 120, che doveva costituire il cardine dell'espansione, è poco appariscente e convincente, come i vantaggi che comporta ed anche gli equipaggiamenti di contorno. "World of Warcraft: Battle for Azeroth" merita un voto di tre stelle su un massimo di cinque.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!