Iscriviti

"TT Isle of Man: Ride on the Edge": con la moto sulla celebre isola inglese

"TT Isle of Man: Ride on the Edge" presenta una delle corse più affascinanti e pericolose del mondo, il "Tourist Trophy", una gara di motociclette con le quali si guida per arrivare alla vittoria sulle strade dell'isola.

Games
Pubblicato il 15 marzo 2018, alle ore 17:32

Mi piace
9
0
"TT Isle of Man: Ride on the Edge": con la moto sulla celebre isola inglese

TT Isle of Man: Ride on the Edge” è un gioco di motociclette per PC, PS4 e Xbox One, presentato da Kylotonn Racing Games, diverso da tutti gli altri, il quale si sviluppa tutto nell’ambito di una delle gare più affascinanti e pericolose del pianeta, il “Tourist Trophy”, che prevede la corsa di moto sulle tortuose ed accidentate strade dell’isola inglese.

“TT Isle of Man: Ride on the Edge” sacrifica sull’altare il semplice gioco arcade per una simulazione di guida realistica che parte sin dal tutorial, quando ben presto ci si accorge che, passando dai semplici comandi per accelerare e frenare, ci vuole molto di più per mantenere la propria potente motocicletta nei limiti della strada.

Per i giocatori meno avvezzi nella guida di simulazione, comunque, ci sono le impostazioni di pilotaggio, che possono permettere di regolare molti particolari dello stile di guida, passando a quello più semplice, dove bisogna solamente accelerare, frenare e scegliere l’ottimale traiettoria delle curve, senza dimenticare però di lanciarsi in accelerazione mentre piegati, pena il finire a terra.

Al gioco sono stati aggiunti dei circuiti di fantasia per arricchire un’offerta di gioco che, se si fosse limitata solamente al tracciato dell’Isola di Man, sarebbe stata molto limitata come tempo e longevità.  Il gioco prevede di creare un pilota personale e personalizzabile sotto tutti gli aspetti, acquistando motociclette delle marche più prestigiose.

La grafica è di qualità discreta e definita bene, con i tracciati resi in modo realistico, ancor più quando si entra nei boschi e si guida nei pressi del mare e delle cittadine, con le moto ancor meglio dettagliate e ricche di particolari, da arricchire nel corso della modalità carriera. L’audio è di ottimo livello.

Al contrario, i testi a video sono presentati in caratteri piccolissimi, ed è necessario avere una vista da falco anche ad un metro dallo schermo per comprendere cosa vi sia scritto, penalizzando i giocatori in quanto descritto. E non è l’unica pecca: la mancanza di varietà di tracciati può diventare penalizzante e rendere il gioco ripetitivo dopo qualche settimana di gare.

Il gioco ha scommesso molto sulla https://news.fidelityhouse.eu/tag/simulazione-di-guida/ e, se da una parte è stato compiuto un lavoro eccellente, dall’altra parte “TT Isle of Man: Ride on the Edge” manca di elementi per rendere il titolo più divertente, vario ed esaltante, anche nel corso del tempo, essendo troppo legato e vincolato ad una visione della realtà esasperata.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "TT Isle of Man: Ride on the Edge" vanta due facce della stessa medaglia: quella positiva vede un gioco ben realizzato per grafica ed audio, ed ottimo dal punto di vista della simulazione, rendendo reale lo stile di guida di una moto sportiva sulle strade accidentate dei tracciati presentati. Il lato negativo è delineato dalla troppa, esagerata, aderenza alla realtà, che rende meno immediati i comandi e la possibilità di disputare con gli amici delle gare improvvisate e divertenti. Sono presenti anche troppo pochi tracciati: lo sviluppo del gioco, partendo dal Tourist Trophy dell'Isola di Man, è stato anche in questo caso legato troppo al realismo assoluto e la creatività nello sviluppo di piste di fantasia è stata molto limitata: il titolo risulta poco longevo. "TT Isle of Man: Ride on the Edge" merita tre stelle di valutazione su una scala massima di cinque stelle.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!