Iscriviti

"Pit People": lo studio The Behemoth produce uno strategico particolare

Prodotto dallo studio The Behemoth, creatore di altri giochi interessanti, "Pit People" propone un nuovo gioco strategico a turni particolare, in stile cartone animato, con molte missioni da risolvere.

Games
Pubblicato il 13 marzo 2018, alle ore 12:18

Mi piace
10
0
"Pit People": lo studio The Behemoth produce uno strategico particolare

Lo studio di programmazione The Behemoth non ha mai mancato in originalità e qualità nei suoi prodotti, come “Alien Homind”, “Battleblock Theatre”, e “Castle Crashers”, giochi che hanno riscosso un consenso trasversale ed appassionato nei confronti di questi titoli. Ora ci riprovano con un nuovo gioco“Pit People”, che mostra un lato inedito o poco studiato nei giochi strategici.

“Pit People”è una storia surreale, basata sulla comicità e sulla paradossalità delle situazioni, un po’ come è accaduto in molti altri titoli della storia del videogioco, come “EarthWorm Jim” e la serie di novelle grafiche “Deponia”. In questo caso, c’è un orso spaziale che, per sua sventura, cade su un pianeta, proprio sul campo di un coltivatore di mirtilli, Horatio: l’impatto è simile a quello di un grosso meteorite, catastrofico (il mondo cambia per sempre), e da quel momento su questo sfortunato globo cadrà una pioggia di sangue verde dagli effetti mortali.

Da questi fatti poco razionali e molto esilaranti parte l’avventura: nel caos generale, il figlio di Horatio viene rapito, il padre diventa il protagonista e da qui parte una storia su una mappa principale bizzarra e fantasiosa, in cui troverete gli scudieri che vendono la pizza, fiumi che trasportano aranciata, e funghi dai poteri magici presenti ovunque (questo per mettere in chiaro le situazioni più “normali” di “Pit People”).

Nello scenario demenzial-divertente, i programmatori hanno sapientemente studiato un gioco molto intelligente, ricco di spunti, dove il protagonista dovrà predisporre una squadra di sei eroi che appariranno sul campo di battaglia ad esagoni, in una dinamica a turni, quando sulla mappa principale si incontra un nemico: qui il giocatore dovrà esprimere il meglio di sé, le battaglie non sono per nulla scontate da vincere, gli equipaggiamenti, gli incantesimi e gli oggetti per mutare le sorti dell’incontro, sono molti e tutti da studiare.

Seguendo solamente la storia principale, come accade in certi giochi di ruolo, possono bastare poche ore per completare “Pit People”, ma sarebbe un peccato non esplorare tutto il mondo offerto dai programmatori dello studio The Behemoth. Le missioni secondarie sono numerosissime e provocheranno risate ulteriori in aggiunta a quelle che inevitabilmente si incontreranno durante il cammino principale.

Il gioco, offerto per PC e Xbox One, offre una storyline che, seguita in tutte le sue varianti, diventerà lunga decine di ore, da suddividere in varie sessioni ogni giorno, per divertirsi nel corso del tempo. La grafica a cartone animato è colorata e molto apprezzabile, per lo stile originale, il comparto audio è dominato da una voce narrante che ben rende l’atmosfera surreale che domina l’intero contesto di gioco.

A completare questo titolo, c’è una sezione multiplayer tutta da giocare con i propri amici: si può affrontare in modalità cooperativa l’avventura, condividendo il divertimento, oppure riversare la propria attenzione sulle battaglie PvP (giocatore contro giocatore) nelle singole arene ad esagoni, per dure battaglie con sei eroi contro sei, contemplando quindi anche un multigiocatore ricco per un titolo, “Pit People”, completo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "Pit People" è il titolo che più mi ha stupito. Situazioni così esilaranti e divertenti non le provavo da anni con un videogioco, surreali come solo lo scenario (completamente diverso) di un platform come "Earthworm Jim" (risalente a vent'anni fa) mi hanno dato. Il bello è che i programmatori dello studio The Behemoth hanno creato un gioco in realtà molto serio e attento ai particolari, dove per vincere nelle battaglie a turni si dovrà essere pronti al meglio con i propri sei eroi, mentre nella mappa strategica sarà necessario muoversi con maestria in un mondo tra il demenziale ed il surreale. L'attenzione dei programmatori si è ben concentrata anche sulla sezione multiplayer, una scelta lodevole, quando si sarebbero potuti tranquillamente fermare all'ottimo lavoro per giocatore singolo. Per tutti questi motivi, "Pit People" merita cinque stelle di valutazione: il massimo dei voti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!