Iscriviti

"Hearthstone: Boscotetro": seconda espansione dell’anno per il gioco di carte virtuali

"Hearthstone: Boscotetro" concede ai giocatori del celebre gioco di carte virtuali per PC e per smartphone di ampliare nuovamente il proprio mazzo, aggiungendo creature provenienti dai boschi ed apportando innovazioni importanti.

Games
Pubblicato il 18 aprile 2018, alle ore 17:39

Mi piace
10
0
"Hearthstone: Boscotetro": seconda espansione dell’anno per il gioco di carte virtuali

Hearthstone: Boscotetro” è la seconda espansione dell’anno 2018 per il celebre e notorio gioco di carte virtuali di casa Blizzard: un pacchetto per PC e smartphone che apporta nuove modifiche regolamentari che provano a rendere il gioco ancora più attraente per gli affezionati giocatori più esperti, quelli che vorrebbero più tattica e meno casualità nel gioco del genere più popolare al mondo.

Con l’aprile 2018, per i giocatori che sono al corrente del sistema di gioco, termina il cosiddetto “anno del Mammuth” e con lui vanno in soffitta alcune espansioni di carte dedicate. Questa espansione permette di rinnovare i propri mazzi di gioco con nuove possibilità, e creature provenienti dai boschi: ci sono nuove keyword, poteri delle carte purtroppo non di grande impatto, che non variano di molto l’esperienza di gioco.

Al di là di queste idee poco riuscite, c’è la volontà di Blizzard di continuare nella strada intrapresa nella prima espansione del 2018, quella di portare il titolo verso una sfida di gioco più controllabile e tattica da parte dei giocatori, abbandonando la casualità che ha dominato il prodotto dai suoi inizi, favorendo in questo modo anche giocatori casuali e poco avvezzi, che si ritrovavano a battere con facilità i maestri di Hearthstone.

In questo, però, stona ancora la presenza di alcune carte distribuite anche in questa espansione che fanno della casualità il loro punto di forza, impedendo del tutto di controllare la partita con tattica e maestria e lasciando buona parte degli esiti degli incontri alla sorte delle carte che capitano e ad una strategia che, così costruita, può favorire il più fortunato e non il più bravo.

La via, insomma, è quella giusta: lo dimostrano anche altre piccole innovazioni, come i Worgen (che mutano salute ad ogni turno) ed i mazzi con carte dal numero di serie solo pari o dispari. Blizzard sta cercando di venire incontro a chi spende molte ore davanti ad Hearthstone, ma la strada è ancora lunga e c’è tanto da sviluppare in questo senso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Con "Hearthstone: Boscotetro", Blizzard vuole continuare a migliorare l'esperienza di gioco dei più abili maestri di questo gioco, persone che spendono molte ore di fronte al celeberrimo gioco di carte virtuali. Un'espansione in chiaroscuro, con alcune variabili interessanti, come i Worgen e i mazzi studiati su carte pari o dispari nel numero di serie, altre molto meno riuscite, come le nuove keyword, poco influenti, ed alcune nuove carte che riportano la casualità in primo piano. Una buona espansione, ma c'è molto da fare per rendere il metagame più famoso al mondo più attraente per i giocatori che, giustamente, si aspettano più tattica e competenza nelle partite disputate. "Hearthstone: Boscotetro" ottiene un voto di tre stelle su cinque.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!