Iscriviti

"BattleTech": da gioco da tavolo anni ’80 al ritorno dei mech per PC

"BattleTech" fu un gioco da tavolo degli anni '80 con unità robotiche che ispirò i primi videogiochi sui mech. A trent'anni di distanza, ecco il ritorno di "BattleTech" per PC con uno strategico tutto da scoprire.

Games
Pubblicato il 3 maggio 2018, alle ore 16:37

Mi piace
10
0
"BattleTech": da gioco da tavolo anni ’80 al ritorno dei mech per PC

“BattleTech” negli anni ’80, qualcuno se lo ricorderà, fu un gioco da tavolo che portò i robot su un campo di gioco per una nuova tipologia di giochi di società che in quegli anni proliferava con grande successo, quelli che simulavano in parte i giochi di ruolo. Oggi, a trent’anni di distanza, Paradox porta sui PC di tutto il mondo “BattleTech”, un gioco strategico a turni,

“BattleTech” è stato creato da Jordan Weisman e rappresenta un’alternativa ai titoli in prima persona di robot e mech che – negli ultimi anni – non hanno imperversato, se escludiamo il fenomeno del 2015 “Titanfall”, un gioco ipertecnologico e studiato solamente per il multiplayer.

Qui il discorso è del tutto diverso, visto che siamo in un mondo a metà tra il ritorno alla vita e la distruzione:, i mech in mano al giocatore vivono in una zona molto ampia chiamata “la periferia”; partendo da questo scenario ci sarà una dettagliata campagna a livelli, dove cinque casate di plenipotenziari si sfidano costantemente per la supremazia su un mondo che ha perso gran parte della conoscenza culturale e scientifica.

Al servizio di uno di questi nobili, dovrete firmare contratti dall’interno di una grande astronave e partire per le battaglie; qui entra in gioco il giocatore, con un’ampia gamma di mech a disposizione, con quelli leggeri, adatti all’esplorazione ed agli attacchi a sorpresa, mentre quelli più corazzati compiono movimenti limitati e sono pronti per resistere al fuoco diretto.

I mech sono divisi in parti, braccia, gambe, corpo, testa: esse possono costituire lo spunto per un attacco mirato, tuttavia queste funzioni sono casuali e, quando il mech è a terra, si potrà attaccarlo solamente in punti determinati a caso. Ma non è l’unico modo per abbattere le unità avversarie: ci sono delle condizioni diverse, come buttare a terra un grosso robot, con la pesante caduta che può generare danni consistenti.

In merito all’intelligenza artificiale, dalla versione beta questa è migliorata: prima gli avversari puntavano solo alla semplice aggressione, ora sono più tattici e rendono la sfida elettrizzante, specie quando l’ambiente è frastagliato ed irto di ostacoli, adatto per predisporre imboscate, attacchi a sorpresa e colpi dall’alto verso il basso.

Graficamente “BattleTech” è ben impostato, sfrutta un motore grafico agile e ricco di particolari, senza nulla di trascendentale; su computer standard, il gioco funziona bene. L’audio è limitato a poche musiche e ad effetti basici, comunque efficaci. Il gioco presenta una campagna a tratti convincente, in altri poco varia negli scontri. “BattleTech”, in fin dei conti, riporta in auge una strategia a turni per mech che da anni non era più tastata da nessuno, e questo è un motivo positivo per provare questo titolo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - "BattleTech" rappresenta un ritorno alla strategia per mech, che mancava da anni, da quando tra il 2007 ed il 2008 c'era una saturazione di titoli spaziali e del genere. Oggi Paradox porta su PC un marchio degli anni Ottanta, un gioco da tavolo trasportato sugli schermi: concettualmente è convincente, sia per la variabilità delle unità che per i molti scenari della campagna, con mech avversari pronti a dare filo da torcere. Il comparto tecnico è buono, quello audio lascia un poco a desiderare, mentre la campagna vive di alti e bassi, tra scontri ricchi di imprevisti e battaglie fin troppo semplici. Resta il fatto che un gioco a turni diverso dai soliti "fantasy" mancava da tempo, e Paradox ha centrato il suo obiettivo. "BattleTech" vede porsi un voto di quattro stelle su un massimo di cinque.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!