Iscriviti

Un’infenzione al cervello le cancella la memoria: 25enne non riconosce nessuno

Una brutta infezione al cervello obbligano i medici ad indurre la 25enne in coma, ma quando si risveglia ha perso completamente la memoria. Ecco la sua storia.

Esteri
Pubblicato il 16 ottobre 2018, alle ore 21:40

Mi piace
2
0
Un’infenzione al cervello le cancella la memoria: 25enne non riconosce nessuno

Fran Geall è una 25enne inglese originaria della Cornovaglia, che ha passato gran parte della sua giovane vita a studiare, diventando così una brillante biologa marina.

Una brutta infenzione al cervello però, ha obbligato i medici ad indurla in un coma farmacologico, ed al suo risveglio la sua vita era completamente cambiata. Nonostante dopo 5 mesi sia stata riabilitata al lavoro e abbia ripreso in mano la sua vita, non ricorda più nulla dei suoi affetti e i suoi studi.

La donna, nella tragicità dei fatti, è però riuscita a trovare il lato positivo e considerare ciò che le è accaduto una nuova possibilità di vita.

La storia di Fran

Una brutta infezione al cervello ha procurato a Fran delle crisi a partire da marzo scorso. Colpita da una encefalite autoimmune, la ragazza inglese di appena 25 anni, ha iniziato a peggiorare giorno dopo giorno, fino a quando i medici deciso di indurre il coma farmacologico

Al suo risveglio, il momento di gioia ha ceduto il posto alla realtà: Fran non ricordava nulla della sua vita. La ragazza non ricordava i suoi familiari, ill loro volto o i trascorsi insieme. Non sapeva più parlare e neanche camminare, così come non ricordava più nulla degli studi che le avevano assicurato il suo posto di lavoro come biologa marina.

Ciò che ha fatto più notizia di questa storia, è la forza che continua ad avere la 25enne, che parla di questa storia come una seconda possibilità che le è stata data. Fran infatti, racconta di come non ricordi nulla della persona che era prima, e che sta vivendo questi momenti come una possibilità per conoscersi nuovamente, per capire chi fosse e chi è senza lasciarsi condizionare dal suo passato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Questo dovrebbe farci anche pensare a quanto tempo trascorriamo nella nostra vita, per cosa che ci sembrano avere un'importanza assoluta, mettendo da parte gli attimi vissuti che potrebbero non tornare. Lo studio ed il lavoro sono importanti, ma i ricordi con i propri cari non si possono più ricostruire, impariamo a vivere per davvero.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!