Iscriviti

Squalo azzurro in Cornovaglia, balneazione vietata

Una verdesca lunga quasi 3 metri è stata avvistata di fronte a St Ives, in Cornovaglia. A dare l'allarme il video di due ragazzini che l'avevano ripresa per postarla sui social.

Esteri
Pubblicato il 19 luglio 2018, alle ore 10:32

Mi piace
10
0
Squalo azzurro in Cornovaglia, balneazione vietata

C’è un’alta probabilità che l’estate 2018 venga ricordata, tra le altre cose, anche per la presenza di squali non lontano dai bagnanti. Nei giorni scorsi, alle Bahamas, una modella è stata morsa da uno squalo mentre cercava di scattare una foto da postare su Instagram. Qualche giorno prima, in Florida, una giovane era stata morsa mentre cercava di avvicinarne uno per dargli da mangiare.

In questi giorni, in Gran Bretagna è in corso l’allarme squalo blu, una verdesca sta terrorizzando coloro che frequentalo le spiagge della Cornovaglia, nella zona St Ives, una fetta di terra all’estremità sud-occidentale dell’Inghilterra. All’allarme dei bagnanti è seguita la conferma delle autorità che raccomandano a tutti di non entrare in acqua.

Scrive ansa.it facendo riferimento alla Bbc che “le autorità hanno raccomandato a locali e turisti di non avventurarsi in acqua nella zona di St Ives dopo l’avvistamento lungo la costa d’un esemplare di verdesca la cui lunghezza è stimata in almeno 9 piedi, quasi 2,8 metri“. I primi ad avvistare lo squalo sono stati due ragazzini di sedici anni, Harry Hocking e Archie Pickin, che coraggiosamente lo hanno ripreso in un video per poi postarlo sulla rete, dove è divenuto virale.

Per qualcuno lo squalo è diventato certamente una attrazione, qualche altro fa i conti con la voglia di tuffarsi in acqua e lo squalo è qualcosa in più, che forse non ci voleva, per gli attivisti di Shark Trust la presenza dello squalo è un fatto che non capita tutti i giorni e perciò è da ricordare.

La portavoce  degli attivisti, Ali Hood, in proposito, ha affermato: “E’ un vero privilegio poter osservare a distanza ravvicinata dalla spiaggia il nuoto libero di una verdesca“, ammonendo tutti, gente del posto e turisti, di “trattare gli squali con rispetto” e cautela, raccomandando quanto le autorità avevano già detto, ossia di evitare di nuotare nei tratti di mare in cui l’esemplare di verdesca è stato avvistato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - L'idea che uno squalo si avvicini ai luoghi dell'uomo mi fa molto pensare. Può essere la fame o forse la temperatura dell'acqua... potrebbe essere un esemplare che si è perso, non ho idea. La fantasia è capace di cercare e trovare mille soluzioni. Il rispetto dell'animale e la cautela, condivido, sono gli atteggiamenti migliori.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!