Iscriviti

Sottoposto a chemioterapie per 5 anni, ma non è malato di cancro: diagnosi errata e condizioni peggiorate

Un paziente ha fatto 5 anni di chemioterapie inutilmente perché non affetto da tumore e le condizioni sono peggiorate in quanto si è beccato una pancreatite, oltre che la vasculite.

Esteri
Pubblicato il 19 novembre 2018, alle ore 04:20

Mi piace
5
0
Sottoposto a chemioterapie per 5 anni, ma non è malato di cancro: diagnosi errata e condizioni peggiorate

È una vicenda alquanto strana quella accaduta recentemente ad un paziente. Per ben cinque anni si è sottoposto alle chemioterapie prescritte dal medico, ma non c’era alcun cancro da curare. Il paziente si chiama James Salaz, un uomo di Montrose, Stati Uniti d’America.

Siamo di fronte, ancora ad una volta, ad un caso di malasanità, che ha visto i medici diagnosticare un cancro a James, ma che, in realtà, era una patologia completamente differenze.

La diagnosi errata

Il tutto ha avuto inizio nel 2012, 6 anni fa, quando al paziente, dopo un controllo ai polmoni, sono state riscontrate delle anomalie. Con la biopsia gli fu diagnosticato un cancro, una delle forme tumorali più gravi al mondo. A quel punto sono state prescritte delle chemioterapie ed alcune indagini abbastanza invasive.

Nonostante il paziente facesse le chemioterapie, non si verificava alcun tipo di miglioramento, ma i problemi annessi persistevano. Questo perché la gran quantità di globuli bianchi non era dovuta ad alcun tumore. La notizia arrivò quando James, dopo 5 anni di chemio dedide di cambiare medico e quest’ultimo gli rivela la schoccante notizia: non è affetto da nessun cancro e non lo ha mai avuto.

La vera patologia di cui soffriva James era la vasculite, che gli ha comportato un infezione ai polmoni; questa patologua non aveva niente a che vedere con le cellule tumorali.

La vasculite è l’infiammazione dei vasi sanguigni e può essere curata completamente senza l’utilizzo delle chemioterapie. Però, l’infiammazione può essere curata se si è nei tempi giusti; quindi i medici ora dovranno accettarsi che la vasculite non abbia danneggiato in questi cinque anni altri organi. Allo stato odierno, i medici hanno confermato che le chemioterapie gli hanno prodotto una pancreatite cronica dalla quale non si può guarire più.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - I casi di malasanità aumentano sempre più. Non si sa bene da cosa nasce, se per errori di distrazione, se per un cattiva preparazione dovuta all'Università, o per chissà quale altro motivo. Fatto sta che oltre al danno, ora si presenza anche la beffa: polmoni non curati e ora anche la pancreatite.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!