Iscriviti

Slovacchia, ucciso il giornalista investigativo Jan Kuciak

Secondo quanto riportato dal quotidiano Dennik N , l’omicidio sarebbe legato all’attività del reporter impegnato in indagini su presunte frodi fiscali

Esteri
Pubblicato il 26 febbraio 2018, alle ore 17:49

Mi piace
1
0
Slovacchia, ucciso il giornalista investigativo Jan Kuciak

Il famoso e popolare giornalista investigativo Jan Kuciak è stato ucciso insieme alla sua compagna con un colpo di pistola all’interno della sua abitazione. E’ quanto ha reso noto la polizia. Secondo quanto ha riportato il quotidiano Dennik N, l’omicidio, avvenuto lo scorso fine settimana, sarebbe legato all’attività del reporter impegnato in indagini su presunte frodi fiscali, in particolare sui casi di persone vicine al partito al governo dei Democratici sociali (Smer) del premier Robert Fico. Kuciak, che aveva appena 27 anni, ha lavorato per l’importante sito Aktuality.sk.

L’omicidio è probabilmente connesso con il lavoro del giornalista“, ha riferito oggi Tibor Gaspar, della polizia slovacca, in conferenza stampa a Bratislava. Kuciak è stato assassinato con un colpo di pistola insieme alla sua fidanzata all’interno del suo appartamento nel comune di Velka Macia, nei pressi di Trnava, nella regione occidentale della Slovacchia. Si tratta del primo omicidio di un giornalista nella storia di questo paese. 

Il famoso giornalista investigativo slovacco Jan Kuciak è stato ucciso

La polizia considera il doppio omicidio come un atto premeditato. Secondo Gaspar, le vittime sono state uccise tra giovedì e domenica della scorsa settimana da un professionista con un colpo solo: il giornalista è stato colpito al petto, mentra la fidanzata alla testa.

L’arma usata per commettere questo crimine non è stata ritrovata. La polizia è arrivata sul posto dopo essere stata avvertita dalla madre della ragazza, la quale non riusciva a mettersi in contatto con lei tramite telefono.

Il giornalista investigativo aveva appena 27 anni e lavorava da tre anni come reporter per il sito Aktuality.sk. Si dedicava alle frodi fiscali che riguardavano le persone vicine al partito dei democratici sociali (Smer) del premier Robert Fico. Negli ultimi tempi si stava anche occupando del caso di un imprenditore controverso, Marian Kocner, e dei suoi trasferimenti finanziari. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Luca Santini

Luca Santini - Questo fatto di cronaca è sicuramente preoccupante. Si tratta senza ombra di dubbio di un atto volto a tenere nascoste alcune informazioni su persone legate al partito di governo slovacco. Un gesto che denota come questo paese non sia per nulla liberale. La speranza è che la polizia riesca a fare chiarezza sull'accaduto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!