Iscriviti

Nuovo blitz di Boko Haram: 50 studentesse scomparse

La maggior parte degli studenti sono fortunatamente riusciti a scappare la sera dell'attacco messo in atto dal gruppo terroristico

Esteri
Pubblicato il 21 febbraio 2018, alle ore 18:00

Mi piace
0
0
Nuovo blitz di Boko Haram: 50 studentesse scomparse

Sarebbero almeno 50 le studentesse di una scuola attaccata la sera del 19 febbraio dai jihadisti di Boko Haram a risultare attualmente scomparse. Questo è quanto riporta la Bbc citando il governatore dello stato di Yobe, dove è avvenuto il blitz da parte del gruppo terroristico islamico.

La maggior parte delle studentesse e degli insegnanti sono riusciti a fuggire la sera stessa dell’agguato dopo aver sentito gli spari dei jihadisti che si stavano avvicinando alla scuola nel villaggio di Dapchi.

50 studentesse sono scomparse nell’ultimo blitz di Boko Haram

Già quattro anni fa, Boko Haram rapì oltre 270 studentesse nella città di Chibok. Le autorità nigeriane ad ogni modo non parlano ufficialmente di ‘rapimento’ delle studentesse.

L’allarme è stato lanciato dai genitori delle ragazze sparite che si sono ritrovati questa mattina fuori dalla scuola. Secondo alcune fonti sono precisamente 51 le ragazze scomparse, secondo altre sono ben 93.

Altri testimoni hanno riferito di aver visto allontanarsi un furgone carico di studentesse. Intanto è stata confermata la notizia che il gruppo d’assalto avrebbe saccheggiato la scuola prima di darsi alla fuga: secondo una delle insegnanti infatti, l’obiettivo dei miliziani era solo quello di rifornirsi di cibo, ipotesi che sembrano essere confermate da un altro saccheggio effettuato in un vicino negozio. La scuola è stata chiusa ed è ora controllata dalle forze governative.

L’episodio ricorda molto da vicino quello verificatosi nella città di Chibok quando, circa quattro anni fa, Boko Haram ha rapito oltre 270 studentesse. Un caso che ha portato alla mobilitazione di gran parte della comunità internazionale e al rilascio, lo scorso mese di settembre di 100 giovani donne rapite. La prima tranche di rilasci era avvenuta nel maggio del 2017 al termine di un controverso scambio di prigionieri tra il governo nigeriano e il gruppo terroristico che aveva richiesto la liberazione di almeno cinque dei loro comandanti. Tuttavia ancora oltre 100 giovani del primo rapimento si trovano nelle mani dei loro carcerieri. Il gruppo di Boko Haram combatte da moltissimi anni ormai per la fondazione di uno Stato islamico nel nord della Nigeria. Si stima che il conflitto tra i guerriglieri fondamentalisti islamici e il governo abbia provocato la morte di decine di migliaia di persone.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!