Iscriviti

Melbourne, fa esplodere l’auto e poi pugnala tre persone. Si segue la pista del terrorismo

L’aggressore è stato arrestato dalla polizia australiana e condotto in gravi condizioni in ospedale, dove poi è deceduto. Prima di pugnalare le persone, ha dato fuoco alla sua auto. Per gli investigatori si tratta di terrorismo.

Esteri
Pubblicato il 9 novembre 2018, alle ore 13:31

Mi piace
0
0
Melbourne, fa esplodere l’auto e poi pugnala tre persone. Si segue la pista del terrorismo

In Australia, precisamente a Melbourne, un uomo ha prima dato fuoco al suo pick-up e poi ha pugnalato nel pieno centro della città tre persone, uccidendone una. La polizia è subito intervenuta sul post, ed il killer è stato colpito al petto dagli agenti intervenuti sul campo. Infine, l’uomo è stato arrestato e soccorso in ospedale, in quanto le sue condizioni di salute erano critiche. Successivamente, è stata dichiarata la morte dell’aggressore. L’incendio è stato alimentato da un ordigno che l’attentatore aveva gettato all’interno del suo pick-up. Gli investigatori indagano per atti di terrorismo.

Si indaga per terrorismo

Prima di iniziare l’attacco e far scoppiare l’incendio, l’aggressore ha lanciato la sua auto contro un centro commerciale. La polizia ha trovato nel veicolo dell’uomo diverse bombole di gas, ed ecco perché si sono visti necessari gli interventi di evacuazione della zona di Bourke Street. Per fortuna, i vigili del fuoco hanno domato l’incendio in meno di quindici minuti. Gli artificieri arrivati sul posto hanno isolato l’aerea.

Sono stati centinaia gli agenti intervenuti. Il killer è stato fermato, ma ha tentato di colpire con il coltello alcuni agenti che, a quel punto hanno fatto fuoco, colpendo l’uomo al petto. Quest’ultimo è stato arrestato e trasferito in ospedale, secondo quanto riferito da una nota ufficiale. Nella conferenza stampa successiva, la polizia ha poi comunicato che l‘aggressore è deceduto.

Sembra che l’uomo non abbia avuto complici, e non si stanno quindi cercando dei sospettati ma, dal primo momento, non è stata esclusa la pista del terrorismo (l‘ISIS ha – poi – rivendicato l’attentato), infatti il commissario dello Stato di Vittoria, Graham Ashton, ha affermato: “Indaghiamo per un episodio terroristico”. Al momento, gli agenti non hanno rilasciato l’identikit dell’aggressore, ma lo hanno indicato come una “persona nota” alle autorità.

Diverse testimonianze sono giunte dai social: “Un ragazzo ha dato fuoco alla sua auto e poi ha attaccato la polizia con un coltello. Gli agenti sono stati pronti e l’hanno sopraffatto. Abbiamo sentito almeno uno sparo, inizialmente”. I medici hanno comunicato che i feriti si trovano in condizioni critiche

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - L'Australia si è ritrovata spesso in questi anni a dovere fare i conti con attacchi isolati, definiti poi come "terroristici", con bilanci di vittime anche molto alti. Si spera che il bilancio delle vittime di questa tragedia non sia destinato a salire, e che i due feriti riescano a guarire in tempi brevi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!