Iscriviti

John McCain: “Al mio funerale non voglio ci sia Trump”

Il senatore repubblicano John McCain ha disposto che Trump non possa prendere parte al suo funerale. All’ex candidato alle presidenziali del 2008 è stato diagnosticato un tumore molto aggressivo che non gli darebbe una lunga aspettativa di vita.

Esteri
Pubblicato il 7 maggio 2018, alle ore 17:24

Mi piace
12
0
John McCain: “Al mio funerale non voglio ci sia Trump”

John McCain, storico esponente del Partito Repubblicano degli Stati Uniti ha fatto sapere che al suo funerale non vuole che partecipi Donald Trump. Stando a quanto apparso in un articolo pubblicato sul New York Times dello scorso 5 maggio, la disposizione è stata inoltrata alla Casa Bianca da alcune persone di fiducia dell’ex candidato alle presidenziali del 2008. La notizia è stata successivamente confermata da NBC News.

Tra i due esponenti simboli del “partito dell’elefante” non è mai corso buon sangue. L’ex veterano della guerra del Vietnam si è sempre dimostrato particolarmente ostile a quelle che sono le posizioni nazionaliste e particolarmente radicali del tycoon. Addirittura poco prima delle elezioni del 2016 aveva fatto sapere che non avrebbe votato per il suo compagno di partito.

Durante l’ultima campagna elettorale, Trump si era spinto a sostenere che McCain non fosse affatto un eroe di guerra, in quanto catturato dal nemico. McCain da canto suo lo ha sempre bacchettato e bocciato soprattutto per quanto riguarda l’abolizione dell’Obamacare.

L’81enne senatore dell’Arizona ha esternato questa sua richiesta in quanto lo scorso anno gli è stato diagnosticato un cancro al cervello molto aggressivo. Come da lui stesso fatto sapere, al momento non è gli dato sapere quanto tempo gli sia rimasto ancora da vivere.

Per questa motivazione, l’ex veterano sta già guardando al suo futuro che non ha avuto difficoltà a definire “imprevedibile”, disponendo che un compagno di partito come Trump non sia degno di partecipare al suo funerale. Non avrebbe però nulla in contrario alla partecipazione del vice-presidente Mike Pence, uno che in fatto di politica ha degli approcci molto più simili ai suoi. A presiedere la cerimonia di addio con il compito di fare gli elogi avrebbe chiesto la partecipazione di due ex presidenti degli Stati Uniti del calibro di George Bush e Barack Obama.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - A quanto pare Trump non si fa voler bene non solo dai suoi avversari, ma anche dai suoi stessi compagni di partito. Le lotte interne ci sono sempre state e ci saranno sempre, ma quando si parla di Donald Trump, tutto non può che essere estremizzato: o lo si ama, o lo si odia. Non resta che rispettare le ultime volontà di McCain quando passerà a miglior vita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!