Iscriviti

Chiude, per gioco, il fratellino nella lavatrice: il bambino muore soffocato.

Durante la notte il fratello maggiore ha svegliato il fratellino, che dormiva con i genitori, perché voleva giocare. Lo chiude nella lavatrice e il bambino di 3 anni muore soffocato.

Esteri
Pubblicato il 19 dicembre 2018, alle ore 18:55

Mi piace
6
0
Chiude, per gioco, il fratellino nella lavatrice: il bambino muore soffocato.

Come riportato da DailyMail, la tragedia è accaduta nella piccola cittadina russa di Gubkinskij, dove un bambino di tre anni ha perso la vita dopo che suo fratello maggiore lo ha rinchiuso, per gioco, all’interno di una lavatrice.

Quando i genitori se ne sono accorti oramai già era troppo tardi.

Le dinemiche della tragedia

Era notte fonda ed il piccolo di tre anni stava dormendo accanto ai suoi genitori, quando il fratello più grande lo avrebbe svegliato, pare perchè volesse giocare. A quel punto chiude il fratellino nella lavatrice e se ne torna a letto. Al mattino, quando i genitori si sono accorti che il bambino non era più nel letto accanto a loro, lo hanno cercato per tutta la casa, ma era già tardi. Infatti, trovano il bambino già morto per asfissia.

Il comitato della Direzione Investigativa della Russia del circondario autonomo Jamalo- Nenec ha rivelato che un’ambulanza è stata chiamata sul posto, ma non ha potuto fare altro che accertarne la morte. La funzionaria della polizia locale, Elena Demyanova, ha riportato che gli investigatori hanno già accertato che i genitori hanno trovato il bambino solo dopo essersi svegliati e che il bambino è stato realmente trovato chiuso nella lavatrice.

Nonostante le dinamiche della vicenda siano abbastanza chiare, gli investigatori stanno facendo comunque ulteriori indagini. Le generalità del fratello maggiore non sono state rese note, per tutelare l’dentità del minore.

Una tragedia di questo genere non è la prima  che accade in Russia. Infatti, sempre come riportato dal DailyMail, un altro caso simile è accaduto poche settimane prima, nella città di Yelizovo. Un bambino di 9 anni al ritorno da scuola, solo in casa, è entrato nella lavatrice e dall’interno ha chiuso la porta dell’oblò. A trovare il corpo senza vita del bambino è stata la mamma al ritorno dal lavoro. Dai segni sul corpo del piccolo è stato possibile capire che aveva provato ad uscire ma senza successo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Elisabetta Monda

Elisabetta Monda - Casi come questi non fanno altro che confermare quanto i bambini siano imprevedibili, per loro tutto è un gioco, non si rendono conto che alcuni giochi sono stupidi e molto pericolosi. Nel caso del bambino di tre anni non mi sento di condannare i genitori, che stavano dormendo, magari dopo una lunga giornata faticosa e quindi ci sta che non si siano accorti di nulla.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!