Iscriviti

Argentina, cane eroe difende tre bambini dal serpente Jararaca

Un morso velenoso avrebbe potuto far morire uno dei bambini, ma Simon, il cane-eroe, li ha protetti. La sua padrona, aiutata dagli amici su Facebook e dopo mille difficoltà è riuscita ad avere in tempo l’antidoto per salvare il cane.

Esteri
Pubblicato il 25 novembre 2018, alle ore 08:10

Mi piace
13
0
Argentina, cane eroe difende tre bambini dal serpente Jararaca

Simon, un cane che vive con la signora Valeria Centeno, ha visto un serpente velenoso che s’avvicinava ai tre figli della donna ed è intervenuto per difenderli mettendo a rischio la propria vita.

I bambini di uno, cinque e otto anni, stanno bene, ma Simon è stato morso dal rettile. La signora Valeria, riconoscente per quanto il cane ha fatto per i suoi bambini, ha combattuto finchè non è riuscita ad avere un antidoto per il suo Simon, ora chiamato cane-eroe.

L’aggressione del serpente

Il fatto è successo a Las Heras, nella provincia di Mendoza, in Argentina. La famiglia di Valeria Centeno, oltre ai tre figli, comprende anche sei cani pronti a difendere la casa e le persone che la abitano, come ha dimostrato Simon. Qualche giorno fa un serpente Jararaca stava per aggredire i figli della signora Valeria, ma il fedele amico e guardia se n’è accorto, li ha protetti mettendosi in mezzo tra loro, ma è rimasto vittima del morso velenoso.

Visto quanto è successo, la signora Valeria si è sentita in dovere di salvare la vita del cane cercando, in tempo utile, un antidoto per lui. Di fatto, nella provincia di Mendoza, le scorte di antidoti non bastano nemmeno per gli umani. Grazie ai social che in fretta hanno fatto conoscere il caso del cane-eroe, e a un funzionario del dipartimento dell’Ambiente, l’antidoto per neutralizzare il veleno è stato reperito in tempo e Simon è stato salvato.

I quotidiani locali riferiscono che alla donna è stato chiesto se: “E’ consapevole di aver privato una persona dell’antidoto contro il veleno per darlo al suo cane?“. Prontamente Valeria Centeno avrebbe risposto: “‘Rispetto la vita delle persone ma anche quella del mio cane. Se non fosse stato per lui, quel serpente avrebbe morso i miei figli” come si legge in Tgcom24. Il cane va migliorando giorno dopo giorno. Valeria, considerando quanto accaduto, avrebbe chiesto alle autorità locali di proteggere non solo le persone umane ma anche gli animali domestici rendendo disponibili degli antidoti per loro.

Un post sulla pagina Facebook di Valeria chiude la vicenda del cane-eroe ringraziando coloro che con attivo interesse l’hanno aiutata a trovare l’antidoto per Simon.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Penso che il problema sollevato dalla signora Valeria non sia indifferente e possa far nascere non poche discussioni. La vita umana va sicuramente al primo posto, ma come negare l'antidoto agli animali domestici che prontamente difendono le persone come ha dimostrato questo caso? Forse il problema si risolverebbe aumentando il numero degli antidoti a disposizione nelle zone più a rischio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!