Iscriviti

Pensioni, pagamento anticipato di novembre 2021 dal prossimo 25/10

Anche per il mese di novembre si concretizzerà il pagamento anticipato delle pensioni: possibile il ritiro in contanti presso Poste Italiane a partire dal 25 ottobre 2021.

Economia e Finanza
Pubblicato il 20 ottobre 2021, alle ore 12:07

Mi piace
2
0
Pensioni, pagamento anticipato di novembre 2021 dal prossimo 25/10

Il pagamento anticipato delle pensioni di novembre è confermato anche questo mese, al fine di evitare assembramenti e garantire la sicurezza di cittadini e lavoratori. Di fatto, le pensioni in contanti saranno erogate a partire dal prossimo 25 ottobre 2021, confermando così una prassi ormai consolidata derivante dall’accordo siglato tra Inps, protezione civile e Poste Italiane.

I pagamenti anticipati saranno comunque eseguiti entro e non oltre il prossimo 30 ottobre 2021. Per sapere quando sarà possibile ritirare il proprio emolumento previdenziale, occorre fare riferimento al cosiddetto calendario alfabetico di distribuzione. Quest’ultimo applica le regole definite all’interno dell’ordinanza numero 787 della Protezione Civile, che lo scorso 23 agosto ha stabilito le modalità di riscossione delle pensioni in contanti per i mesi di settembre, ottobre e novembre.

Come funziona il pagamento anticipato delle pensioni di novembre 2021

Come già anticipato, i pagamenti anticipati delle pensioni in contanti inizieranno il prossimo 25 ottobre 2021. Nel caso si seguisse la prassi di ripartizione già utilizzata negli scorsi mesi, si partirà con i cognomi che iniziano per le lettere A e B. Il giorno successivo si procederà con la C e la D. Il 27 si proseguirà con le lettere dalla E alla K. Il 28 dalla L alla O, il 29 dalla P alla Q e il 30 ottobre con le lettere rimanenti.

La conferma sulle date arriverà direttamente da parte di Poste Italiane nelle prossime ore, come avviene di consueto. Per chi invece ha scelto di farsi accreditare l’assegno pensionistico sul proprio conto corrente, sarà necessario attendere il 2 novembre 2021. Il primo giorno del prossimo mese risulta infatti non bancabile.

Infine, resta la possibilità di richiedere la consegna a domicilio dell’emolumento per gli anziani over 75enni che non hanno la possibilità di delegare un parente o un congiunto alla riscossione. In questo caso, è possibile far valere l’apposita convenzione stipulata tra Poste Italiane e Arma dei Carabinieri. Per aderire, è possibile contattare l’apposito numero verde 800.556670 o in alternativa telefonare alla Caserma dei Carabinieri più vicina.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefano Calicchio

Stefano Calicchio - Il ritiro delle pensioni anticipate in contanti rappresenta ancora oggi un servizio valido per abbattere il rischio di contagio per i cittadini e per i lavoratori. L’uscita dal momento più buio della pandemia non consente infatti di abbassare la guardia. Anche per questo motivo, è probabile che nei prossimi mesi la prassi verrà rinnovata ulteriormente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!